Parenti, inevitabile compromesso in Ue

Capo rappresentanza Commissione a Roma: 'Tutelare mercato unico'

"Il negoziato sul bilancio Ue e sul Recovery Fund sarà un momento di realismo in cui tutti i leader, anche quelli dei cosiddetti Paesi frugali, dovranno trovare un accordo. Su questo si è mossa la Germania e ciò avrà un'importanza non da poco a convincere questi Paesi che alla fine il compromesso sarà necessario". Lo dice in un'intervista all'ANSA Antonio Parenti, neo capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, facendo il punto sulle sfide che dovrà affrontare l'Europa per superare le conseguenze economiche della crisi provocata dal coronovirus.
    Paesi come l'Austria, l'Olanda, la Svezia, "sono estremamente aperti al commercio internazionale. E il rischio che si sta delineando, e che sarà ancora più forte se venisse rieletto Trump, è quello di una segmentazione mondiale dei mercati con un forte incremento del protezionismo a livello globale. Il mercato unico europeo diventerà quindi molto più importante di prima, una valvola di sicurezza per tutti, anche per i frugali".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie