Mondo

Unhcr, in Libia carceri orribili

Cochetel, chiunque sia sbarcato su coste Paese torna in prigione

"Non ci sono campi o 'centri" per i migranti "in Libia, ma solo prigioni, alcune controllate dalle autorità, altre da milizie e trafficanti, e vi sussistono condizioni orribili. Chiunque venga sbarcato sulle coste libiche torna in queste carceri. Possiamo sperare che un giorno ci saranno centri decenti e aperti, ma oggi non esistono". Così Vincent Cochetel, inviato speciale dell'Unhcr (l'agenzia Onu per i rifugiati) per la rotta del Mediterraneo Centrale, in un'intervista all'ANSA.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie