La Turchia vieta il Gay Pride a Istanbul

In programma domani, attivisti promettono 'marceremo lo stesso'

Gay Pride di Istanbul di nuovo a rischio. Oggi le autorità turche hanno infatti vietato per il terzo anno consecutivo la marcia programmata per domenica da gay, lesbiche e trans. L'ufficio del governatore ha comunicato che la decisione è stata presa per motivi di ordine pubblico e per salvaguardare l'incolumità dei partecipanti e dei turisti.
    Gli attivisti della comunità LGBTI, che avevano programmato la marcia con partenza da Piazza Taksim, hanno fatto sapere che non intendono rinunciare all'appuntamento e hanno confermato la manifestazione.
    L'ultima marcia del Gay Pride autorizzata a Istanbul aveva visto nel 2014 la partecipazione di più di 100mila persone.
    Organizzata per la prima volta nel 2003, in soli undici anni era diventata nel mondo musulmano una delle manifestazioni più imponenti per i diritti di omosessuali, lesbiche e trans.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie