• Charlie Hebdo, sparatoria vicino Parigi, due morti e venti feriti. Terroristi hanno preso ostaggio

Charlie Hebdo, sparatoria vicino Parigi, due morti e venti feriti. Terroristi hanno preso ostaggio

ricercati barricati con alcuni ostaggi a Dammartin-en-Goele, a nord est di Parigi, nella sede di un'azienda

E' giallo sulle presunte vittime della sparatoria tra i terroristi e la polizia a nord est di Parigi: secondo alcuni media francesi ci sarebbero due morti e venti feriti in una tipografia a nord est di Parigi, dove i terroristi si sono barricati con un ostaggio. Ma la gendarmeria smentisce che al momento ci siano vittime nello scontro a fuoco. E "l'epilogo è vicino". La polizia ha aperto il fuoco contro i due fratelli Kouachi, responsabili del massacro di Charlie Hebdo. La violenta sparatoria si è verificata nella cittadina di Dammartin-en-Goele, dove i ricercati si sono barricati in una tipografia e hanno preso un dipendente in ostaggio. Da ore gli spostamenti di Cherif Kouachi e Said Kouachi erano sotto i riflettori di tutto il mondo: erano stati avvistati dagli elicotteri della polizia tra i boschi a nordest di Parigi. Il prefetto di polizia di Parigi ha detto: "L'epilogo è vicino".

 

La spietata caccia all'uomo ai fratelli Kouachi continua con tutti i mezzi più tecnologici in Francia. Braccati come animali, i due restano però incredibilmente ancora in fuga, alla macchia per il secondo giorno di fronte all'imponente schieramento delle forze di sicurezza francesi. Nella foresta di Longpont, in Piccardia, 100 chilometri a nord di Parigi, un rastrellamento durato ore si è chiuso in serata con un apparente nulla di fatto mentre i reparti speciali, corazzati come Robocop e armati di congegni per la visione notturna, si sono allontanati lasciando il campo ai soli gendarmi senza aver trovato traccia della vettura dei fuggitivi che, secondo notizie circolate fin dal mattino, sembrava fosse stata lasciata nella zona. Il giorno dopo la strage di Charlie Hebdo, la gigantesca caccia ai terroristi continua insomma senza sosta, ma i risultati si fanno attendere.

DA PARIGI LA CORRISPONDENZA DI PATRIZIA ANTONINI

 In mattinata ancora sangue era stato versato a Parigi: un misterioso killer ha ucciso spietatamente alle spalle una giovane vigilessa, in servizio da 15 giorni, e ferito gravemente un collega. Mistero assoluto sulla dinamica dei fatti e sul movente: un pregiudicato già arrestato 9 volte è stato fermato, ma l'assassino è salito su un auto e si è allontanato. Anche in questo caso, nonostante le ricerche, l'uomo - armato fino ai denti e protetto da un giubbotto antiproiettile - è svanito nel nulla. Tre uomini armati e pronti a tutto liberi attorno a Parigi - due nel nord e uno nel sud - hanno portato a uno spiegamento di forze senza precedenti: 88mila uomini, quasi 10mila soltanto nella regione di Parigi, fra i quali reparti di paracadutisti.

(Nota per gli utenti di Google Chrome: per visualizzare correttamente il Live Blog accettare lo script cliccando in alto a destra del browser, accanto alla stella dei Preferiti)

Live Blog Charlie Hebdo

 A metà giornata il momento di massima tensione: da una parte il misterioso assalitore che ha sparato a due agenti chiamati per un incidente stradale a Montrouge (una morta e un ferito grave) si faceva beffe degli inseguitori parcheggiando l'auto e andando a prendere, armato, la metropolitana. Dall'altra, una Clio grigia nella quale un benzinaio della Piccardia aveva avvistato i fratelli Kouachi con kalashnikov e lanciarazzi si avviava inspiegabilmente verso Parigi. In pochi minuti, le porte di accesso alla città sono state chiuse da posti di blocco e l'Eliseo è stato blindato. Poco dopo, la caccia ai due killer della strage di Charlie Hebdo si è di nuovo spostata verso Villers-Cotteret, la città natale di Alexandre Dumas, e nei dintorni: prima a Crepy-en-Valois, poi a Corcy, infine a Longpont e nella vicina foresta, quando si è pensato che i due - abbandonata l'auto - non si fossero trincerati in una casa ma avessero provato a dileguarsi nella campagna. La zona è stata transennata, le immagini diffuse dalle tv sono parse eccezionali: migliaia di uomini con scudi, fotoelettriche, cani al guinzaglio e armati fino ai denti in movimento a piedi, hanno circondato a gruppi i furgoni con il materiale e i gruppi elettrogeni.


SUL SITO DI CHARLIE HEBDO I PDF DEI VOLANTINI 'JE SUIS CHARLIE HEBDO' IN VARIE LINGUE

A Firenze il David a lutto



L'intervista ad uno dei sospetti killer (da Le Figaro)


La notte di caccia si è alla fine spostata altrove - pare - e l'operazione resta difficile, senza alcuna traccia concreta. Malessere intanto nel sindacato di polizia, che chiede il ritiro di tutti gli uomini non armati impegnati in un'azione giudicata troppo rischiosa. Hamid Mourad, giovanissimo presunto autista del commando terrorista in cui a sparare erano i due fratelli, è sempre in stato di fermo ma il suo alibi (era sui banchi di scuola, testimoniano i compagni) per ora regge. Tutta la vicenda è ancora avvolta da ombre e la carente comunicazione del governo non aiuta. Bernard Cazeneuve, il ministro dell'Interno, ha parlato oltre mezz'ora in conferenza stampa senza fornire notizie, al di là della convocazione della riunione dei ministri di Europa e Usa domenica a Parigi. Poi alla Cnn, in serata, la collega della Giustizia Christiane Taubira ha ammesso che uno dei due fratelli ricercati era noto all'intelligence fin dal 2005 per aver partecipato alla jihad dapprima in Yemen e quindi in Iraq (nel 2008). Tanto da essere arrestato e condannato al rientro.

SEGUI LA DIRETTA DALLA TV FRANCESE

Le foto dei ricercati


Mentre dagli Usa rimbalza la notizia che entrambi fossero da tempo nella lista delle persone bandite dai voli civili. Gli interrogativi sulla libertà di azione di cui i fratelli Kouachi hanno potuto godere in effetti si rincorrono. Come pure sullo strano smarrimento delle loro carte d'identità nell'auto della fuga, una circostanza straordinaria se si considera la freddezza e la preparazione delle due 'primule rosse'. Il paese intero intanto si sente sempre più "Charlie", come recita l'hashtag diventato ormai un mantra. Nelle strade, nei negozi, sulle t-shirt dei ragazzini che vanno a scuola, ovunque c'è "Charlie" o un suo simbolo.

FRANCIA SOTTO CHOC - Migliaia di persone hanno manifestato a Parigi con una matita e lo slogan "Je suis Charlie". E sul web impazza l'hashtag #JeSuisCharlie Il commando ha sparato nei locali di Charlie Hebdo uccidendo 12 persone e ferendone 8 (ora tutte fuori pericolo di vita). 

Nelle scuole si è parlato del tragico 7 gennaio, poi quando i ragazzi si apprestavano a uscire, tutte le maestre, i professori e i bidelli hanno imperativamente fatto sgomberare per motivi di sicurezza l'area antistante il portone, dove in genere ci si ferma a chiacchierare a lungo, invitando gli studenti a tornare subito a casa. 'Vigipirate', il dispositivo antiterroristico, è stato inasprito, uomini in divisa sono praticamente ovunque in città. A mezzogiorno, il minuto di silenzio religiosamente rispettato in tutto il Paese, mentre suonavano le campane di Notre Dame. In serata, anche la scintillante Tour Eiffel ha spento le sue luci in segno di lutto. L'appello all'unità nazionale - l'ex presidente Nicolas Sarkozy è andato per la prima volta all'Eliseo a trovare Hollande - per il momento ha fatto centro. Resta soltanto la polemica del Front National, con Marine Le Pen che ha di nuovo invocato un referendum sulla pena di morte. Nel generale cordoglio, la storia tristissima di Clarissa Jean-Philippe, 25 anni, la vigilessa ancora in prova, da pochi giorni timidamente sulle strade delle banlieue a Montrouge. Colpita alle spalle durante un controllo, ha visto finire la sua carriera, e la sua vita, due settimane dopo aver preso servizio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA