Merkel delega ai Laender la responsabilità sulle riaperture

Ma c'è un tetto di nuove infezioni per tornare alle restrizioni

Saranno i Laender tedeschi, d'ora in poi, ad assumere la responsabilità sull'allentamento delle misure restrittive per il coronavirus in Germania. È quello che trapela dall'incontro fra la cancelliera e i presidenti delle regioni, secondo quanto scrive la Dpa. La condizione su cui ci si è accordati è che nelle città con oltre 50 nuove infezioni per 100 mila abitanti nel giro di 7 giorni si procederà di nuovo a delle misure restrittive.

Le limitazioni ai contatti saranno prorogate fino al 5 giugno, sempre secondo la Dpa. Ma prossimamente potranno incontrarsi anche appartenenti a due nuclei abitativi. Inoltre tutti i negozi potranno riaprire, anche quelli più ampi di 800 metri quadrati, rispettando le misure di igiene e le regole del distanziamento. Sarà di nuovo permesso fare sport all'aperto: chi fa attività sportiva deve però rispettare le condizioni di sicurezza e di igiene.

"Anche dopo che le prime fasi di apertura sono state introdotte il 20 aprile, il numero di nuove infezioni è rimasto basso", si legge nel documento ottenuto dalla France Presse, senza "alcuna nuova ondata di infezione", giustificando una più audace fase di riapertura. Tutte le scuole, comprese quelle primarie e materne, potranno riaprire, a determinate condizioni, già dalla prossima settimana. "Gli istituti devono gradualmente rendere possibile l'istruzione di tutti gli scolari nel rispetto delle misure igieniche e di distanziamento", sottolinea il principio di accordo che deve essere formalmente adottato oggi dalla cancelliera e dai presidenti delle regioni tedesche. La Germania aveva già autorizzato la riapertura delle scuole secondarie mentre saranno i diversi stati regionali a decidere sulla riapertura delle università. Anche i negozi potranno riaprire "ma rispettando le condizioni di igiene e con i controlli all'entrata per evitare le file", sottolinea ancora il documento.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie