Economia

Whirlpool: l'azienda conferma la procedura di licenziamento

I sindacati chiedono la sospensione

 Whirlpool conferma che le motivazioni che hanno portato l'azienda ad avviare a metà luglio la procedura di licenziamento collettivo per i lavoratori dello stabilimento di Napoli "non sono cambiate" e si dice disponibile "ad ascoltare eventuali proposte" e "a supportare i lavoratori".
    Lo si apprende mentre è in corso il tavolo convocato dal ministero del Lavoro, d'intesa con il Mise e la regione Campania, con l'azienda, Invitalia ed i sindacati.
    I sindacati chiedono di sospendere la procedura, che scade a fine mese, e al governo di mettere in piedi un progetto concreto per la ripresa produttiva del sito di via Argine. 

"Ennesima manifestazione e, speriamo, non ennesimo giro a vuoto. Perché oggi non ci accontentiamo. Serve bloccare la procedura, impedire che si arrivi al giorno, il 29 settembre, in cui se non succede nulla l'azienda può mandare le lettere di licenziamento",  ha detto Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom, nel corso della manifestazione dei lavoratori Whirlpool al Mise.

"Il governo - secondo Tibaldi - deve finalmente rispondere del lavoro che tanto annuncia sui giornali. I drammi, le chiusure delle aziende, le ipotesi in loro tutela non possono essere oggetto di campagna elettorale". "Vogliamo vedere - ha concluso Tibaldi - a cosa hanno lavorato, vogliamo vedere qual è la soluzione che è stata annunciata sui giornali. Chiediamo che la procedura di licenziamento si sospenda". 

 "Questa discussione va avanti da 3 anni, la mia faccia sulla vertenza" Whirlpool "non è mai mancata, ci sono sempre stata e non mi sono mai tirata indietro. Noi abbiamo lavorato su un consorzio incentrato sulla mobilità sostenibile che riesca a gestire il riassorbimento della forza lavoro. È chiaramente necessario che l'azienda e il sindacato si siedano al tavolo. Ma una cosa la devo dire: non vorrei passasse il messaggio che il governo non abbia lavorato, sarebbe davvero una grande mancanza di rispetto". Così, a quanto si apprende, la viceministra dello Sviluppo economico, Alessandra Todde, al tavolo su Whirlpool risponde ad azienda e sindacati e richiama il progetto di un hub della mobilità sostenibile annunciato a inizio agosto.

   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie