Borsa: Milano debole (-0,35%), pesano Moncler, Saipem e Cnh

Spread sale a 96,6 punti, cala greggio, bene Ferrari e Tim

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - Piazza Affari si conferma debole nella prima mezz'ora di scambi (Ftse Mib -0,45% a 24.154 punti), penalizzata da Moncler (-1,83%), penalizzata insieme agli altri titoli del lusso europei dai ritardi sui vaccini antiCovid, che lasciano presagire un prolungamento delle misure restrittive nei vari Paesi. Il calo del greggio (Wti -1,6% a 60,58 dollari al barile) si ripercuote su Saipem (-1,59%) ed Eni (-0,8%), mentre cedono Fineco (-1,37%), Cnh (-1,11%), Interpump (-0,93%) e Mediolanum (-0,9%). Il rialzo dello spread tra Btp e Bund tedeschi a 96,6 punti non favorisce i bancari Unicredit (-0,65%), Intesa (-0,63%), Bper (-0,58%) e Banco Bpm (-0,53%).
    Invariate Mps e Creval, il cui socio Dgfd ha presentato la lista per il rinnovo del Cda, confermando gli attuali vertici. Pochi i rialzi, limitati a Ferrari (+2,38%), Diasorin (+1,28%), Tim (+1,42%) e Terna (+0,39%). Più caute Snam (+0,19%) e Italgas (+0,09%) (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie