Confesercenti, per bar e ristoranti crollo dei ricavi di 11,5 mld

Take away, spazi aperti e ticket su app per ripartire, stop Tari

Conto salato per bar e ristoranti: in media, ogni pubblico esercizio ha perso circa 55 mila euro di fatturato, quasi il 30% di quello annuale, per un totale di 11,5 miliardi di euro di ricavi svaniti. A stimare l'impatto economico dello stop su bar, ristoranti e altre attività della somministrazione è la federazione degli esercenti pubblici e turistici Fiepet Confesercenti, guardando ora alla ripartenza. Bar e ristoranti si preparano, spiega, ad affrontare la doppia sfida della fase due: garantire la sicurezza di clienti e lavoratori e provare a ripartire dopo il lockdown. Puntando di più sul take away, sugli spazi all'aperto, ma anche sulla tecnologia per usare i buoni pasto via app, limitando i contatti. Al riguardo, quindi, la federazione con il presidente Giancarlo Banchieri chiede "di abbattere drasticamente i costi di commissione sui ticket" e "lo stop immediato per Tari e occupazione suolo pubblico per tutto il 2020".
    "La salute è la priorità", ma "molte imprese rischiano di chiudere", dice.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie