• Fmi: con quota 100 più spesa per le pensioni e un peso sui giovani

Fmi: con quota 100 più spesa per le pensioni e un peso sui giovani

Con lo spread alto, incerti gli effetti delle misure di stimolo del governo

L'impatto sulla crescita dell'Italia dalle misure di stimolo previste dal governo "sarebbe incerto nei prossimi due anni e probabilmente negativo nel medio periodo, se gli spread continuassero a restare a livelli elevati". Così il Fondo Monetario Internazionale nella relazione che prelude all'Art.IV. Il Fmi spiega che l'atteso impatto di stimolo "rischia di essere controbilanciato dal continuo rialzo degli spread", con un effetto "ambiguo" nel breve e "probabilmente negativo" nel medio periodo. 

I cambiamenti delle pensioni previsti dal governo, ovvero la quota 100, "aumenterebbero ulteriormente la spesa pensionistica, imporrebbero pesi ancora maggiori sulle generazioni più giovani, lascerebbero meno spazio per politiche per la crescita e porterebbero a minori tassi di occupazione tra i lavoratori più anziani", dice il Fmi anticipando l'Art.IV. "E' improbabile che l'ondata di pensionamenti creerebbe altrettanti posti di lavoro per i giovani". Per il Fmi "è urgente razionalizzare i vari eccessi nel sistema". 

ll Fondo Monetario Internazionale, mette in guardia l'Italia anche dal rischio di recessione che potrebbe derivare da livelli di debito troppo alti. Nel documento, il Fmi stima che il debito pubblico italiano "resterà intorno al 130% nei prossimi 3 anni" e avverte che qualsiasi shock anche modesto "aumenterebbe il debito aumentando il rischio che l'Italia sia costretta ad un consolidamento di bilancio maggiore quando l'economia si indebolisce. Questo potrebbe trasformare un rallentamento in una recessione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie