Economia

Allarme Ocse: l'economia globale resta fiacca, applicare riforme

Nodi sono investimenti fermi, nuove regole e sofferenze banche

Sette anni dopo l'esplosione della crisi finanziaria, "l'economia globale deve ancora ritrovare i suoi livelli di crescita precedenti" ed è spazzata da 2 "forti venti contrari: la stagnazione della crescita degli investimenti e i problemi legati alla ri-regolamentazione di banche e prestiti in sofferenza". Così il segretario generale Ocse, Angel Gurria, rimarcando che "l'implementazione di riforme strutturali è cruciale per affrontare queste sfide e riallineare le politiche globali e i contesti economici".

La frammentazione, spiega l'Ocse nello studio, non ha effetti negativi solo sulla produttività. Anche i mercati finanziari, per esempio, sono resi meno efficienti da "un aumento di piazze di trading simili alle Borse, come i sistemi di trading alternativi e gli strumenti multilaterali, e da un divario tra il trading alla luce del sole e quello non visibile". Senza dimenticare i progetti nelle energie rinnovabili, per cui "un incremento di scala è cruciale" in una fase in cui "ostacoli politici e di mercato" impediscono "la formazione di una serie sufficiente di progetti appetibili per le banche e danneggiano il profilo rischi-benefici". C'è poi il tema della frammentazione normativa, le differenze di leggi e regole tra Paese e Paese che "spezzetta in modo non necessario l'ambiente economico trattando attività simili in modo diverso". Un problema evidente in materia di corruzione internazionale, per cui "in molte giurisdizioni le sanzioni sono deboli", rendendo un investimento meno appetibile, mentre in altre "le sanzioni sono pesanti, anche se non sempre applicate". In una fase in cui "l'easing monetario ha raggiunto i suoi limiti nella stimolo all'economia", conclude l'Ocse, "la chiave per performance migliori sono riforme strutturali in un ampio raggio di ambiti politici, per ridurre la frammentazione che danneggia le performance e la produttività. Questo incoraggerebbe gli investimenti in industrie in crescita, come le energie rinnovabili, mentre il superciclo delle materie prime si inverte, stimolando l'innovazione e la diffusione dei suoi benefici, per rigenerare la crescita della produttività dopo anni di stagnazione".

Gurria: Brexit sarebbe danno per Gb, Ue e mondo  - La Brexit sarebbe "nociva per la Gran Bretagna, per l'Europa e per il mondo": lo ha detto il segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, aprendo la tavola rotonda 'Roundtable on doing business in a fragmented world' a Parigi. "I nostri studi lo dimostrano", ha aggiunto, delineando l'impatto negativo sull'economia di una eventuale uscita della Gran Bretagna dall'Ue.

Visco: incertezza oggi è maggiore problema planetario  - "Oggi l'incertezza è il problema maggiore che abbiamo su scala planetaria": lo ha detto il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, intervenendo all'Ocse di Parigi in occasione della presentazione dell'"Oecd business and finance Outlook 2016'. Tra l'altro, ha spiegato Visco, è sempre a causa "dell'incertezza che abbiamo scarsi investimenti" e si prendono "pochi rischi economici e finanziari".

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie