Seconda Linea, il nuovo giovedì di Rai2

Strana coppia Giuli-Fagnani per Informazione. Apre Bonolis

(ANSA) - ROMA, 30 SET - Da Verona a Bergamo per raccontare il coronavirus, fino a Napoli dove un imprenditore spiega cosa significhi il fallimento. Seconda Linea: una nuova finestra sull'attualità si apre su Rai2, in prima serata, a partire domani, ogni giovedì, approfondimento settimanale condotto da Alessandro Giuli e Francesca Fagnani con Francesca Parisella. Il nuovo programma informativo è stato presentato oggi a Viale Mazzini dal direttore di rete Ludovico di Meo insieme ai due conduttori. Giuli-Fagnani sono la nuova strana coppia del giovedì, serata che su Rai 2 è tradizionalmente destinata all'informazione dai tempi di Michele Santoro. "Siamo consapevoli di avere delle corazzate consolidate come competitor - fa notare Di Meo - ma i numeri non saranno mai per noi una spada di Damocle, dobbiamo andare avanti e basta. Fagnani ricorda :"ho iniziato in Rai con Giovanni Minoli e poi ho lavorato con Santoro, sono contenta di essere stata chiamata e di tornare in Rai su questa rete che mi ha dato tanto". Il titolo prende ispirazione dal rugby, dove le Seconde Linee sono i giocatori che saltano in touche per contendersi il pallone e hanno il compito di mantenere compatta la mischia. È una metafora per svelare all'Italia gli italiani che davvero rendono competitivo il nostro paese: artisti, imprenditori, intellettuali, operai, professionisti, tutte persone che hanno difficoltà a relazionarsi con la prima linea rappresentata dalla politica. Persone che ogni santo giorno seguono uno dei principi più affermati del rugby, sport muscolare ma contrassegnato dal fair play: "Noi mettiamo la testa dove gli altri non osano mettere nemmeno i piedi". Con Alessandro Giuli e Francesca Fagnani, opinionisti, polemisti, professionisti e politici d'eccellenza ed emergenti troveranno un campo dove poter giocare liberamente. Qual è la differenza rispetto agli altri talk? Nella prima puntata avremo Paolo Bonolis (a titolo gratuito ndr.) che "sarà protagonista di un'intervista", sottolinea Francesca Fagnani, mentre Max Giusti si confronterà con Cottarelli: "far confrontare alto e basso è sempre interessante". Ma poi, osserva la giornalista, "chi di noi ha il metro di giudizio per affermare con esattezza quale è l'alto e quale è il basso? Racconteremo la realtà, nessuno pensa di avere la verità in tasca". Nella puntata del debutto anche un servizio sul primo volontario del vaccino anticoronavirus. Nicole Rossi, vincitrice di Pechino Express,"sarà interessante far dialogare una ragazza di 19 anni con don Vinicio Albanesi o con Francesco Acquaroli, il presidente delle Marche". Giuli: "Prima di scrivere 'il solito talk', ricordatevi che noi apriremo la puntata con Alessandro Zanni, rugbista terza linea ala del Benetton Treviso". E tiene a dire: "abbiamo una sigla meravigliosa, anche se non faremo una trasmissione ballabile ma avrà una sua leggerezza. Nell'ultima parte del programma ci saranno anche temi culturali, con linguaggio chiaro e nitido, cercando di ribaltare molti luoghi comuni". Presenze stabili del programma, quelle dello scrittore Pietrangelo Buttafuoco, dei giornalisti Stefano Cappellini e Alessia Lautone, di Umberto Broccoli che aprirà uno spazio vintage sulle vecchie tribune politiche Rai in bianco e nero. Inoltre, ogni settimana, Fortunato Cerlino sarà interprete di una sorprendente "corrispondenza dall'Inferno", mentre il maestro dell'eros Milo Manara presenterà una sua tavola in esclusiva per il pubblico di Rai2. Inchieste e reportage seguiranno il filo rosso della curiosità e dell'emozione, secondo una narrazione che partirà sempre dal basso, dalle storie, per affrontare i grandi argomenti.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie