Addio Alison Lurie, Pulitzer per Cuori in trasferta

Aveva 94 anni. Scrittrice come una Jane Austen contemporanea

L'America perde una delle sue scrittrici più pungenti. A 94 anni è morta Alison Lurie. Era ricoverata in una struttura per malati terminali nello stato di New York tuttavia il marito, il romanziere Edward Hower, ha confermato che il decesso è avvenuto per cause naturali. Classe 1926 e originaria di Chicago, Lurie oltre ad essere autrice di romanzi è stata anche una saggista e una studiosa di letteratura per bambini. Deve la sua fama in particolare alle sue commedie di costume ambientate nell'università fittizia di Corinth e sulle donne ben istruite che si sono buttate in un matrimonio o una carriera fallimentare, a volte infelicemente, per vivere secondo le aspettative. Molto spesso è stata associata a Jane Austen, i cui romanzi in modo simile ruotavano intorno ai costumi sociali e alle relazioni tra i sessi. Elogiata dal New York Times come una delle novelliste più capaci e argute degli Stati Uniti, il successo commerciale della Lurie avvenne nel 1974 con The War Between the Tates, una saga coniugale, mentre ottenne il suo più alto riconoscimento culturale con Cuori in trasferta (Foreign Affairs, 1984) che nel 1985 gli valse il premio Pulitzer per la narrativa. Il romanzo segue le vicende due accademici in congedo sabbatico a Londra. I protagonisti sono Virginia 'Vinnie' Martin, docente all'università di Corinth, un'accademica di mezza età così indipendente che il suo compagno più stretto è un cane invisibile, e il suo giovane collega ribelle, Fred Turner, che inizia a frequentare un'impulsiva attrice inglese, Rosemary Radley, mentre il suo matrimonio casca a pezzi. L'opera è stata una delle poche comiche a vincere il Pulitzer.
    Deliberatamente basando il suo romanzo su una narrativa di costume e maniera all'antica, la Lurie fa sì che uno dei personaggi si immagini persino intrappolato in un racconto di Henry James. Nel 1993 Cuori in trasferta divenne un film per la televisione con Joanne Woodward nel ruolo di Vinnie e Eric Stoltz come Fred mentre nel 1977 fu realizzato allo stesso modo un adattamento televisivo di The War Between the Tates. Per le sue opere di fiction, la Lurie trasse apertamente ispirazione dalla sua stessa vita. Corinth era infatti un'università Ivy League simile a Cornell, dove lei insegnava e allo stesso modo di Vinnie, aveva una passione per l'Inghilterra ed era esperta di letteratura per bambini. Ma scrisse anche sulle proteste per la guerra in Vietnam partecipandovi anche. Nel 1985 fu arrestata durante un raduno alla Cornell in cu si chiedeva alla scuola di liquidare i propri investimenti in aziende che facevano affari con il governo razzista in Sud Africa. Si sposò due volte, la prima nel 1948 con l'accademico Jonathan Bishop, figlio del poeta John Bishop Peale, e dal quale ebbe tre figli e la seconda nel 1975 con il romanziere Edward Hower.(ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie