Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Cinema
  4. Muccino, giro in Italia la mia isola che non c'è

Muccino, giro in Italia la mia isola che non c'è

Il regista, dopo Hollywood, racconta una famiglia allargata

TAORMINA -  Gabriele Muccino torna a casa, proprio come Ulisse ad Itaca. E dopo dieci anni di produzioni hollywoodiane (come La ricerca della verità) gira un film proprio in un'isola (forse Ponza), dal titolo, guarda caso, 'L'isola che non c'è' . Nel cast previsti Pierfrancesco Favino, Stefania Sandrelli e Claudia Pandolfi (in forse). "Ho coltivato questo ritorno ad Itaca da molti anni - dice il regista oggi a Taormina alla 71/ma edizione dei Nastri d'argento dove riceverà stasera il Premio Hamilton Behind the camera - . È un film italiano corale che racconta sicuramente l'Italia di oggi - aggiunge. - E questo prendendo spunto da un nucleo familiare che si ritrova ad un certo punto su un'isola. Una famiglia allargata - sottolinea - , come tutte le periferie e le appendici delle grandi famiglie, che vivono tra genesi e nevrosi". In America, spiega poi Gabriele Muccino : "mi è mancato di trovare me stesso in un cinema ormai troppo preoccupato di scovare nuove formule e una nuova collocazione dopo l'esplosione delle serialità televisive che, con la loro qualità, hanno di fatto confuso e stordito Hollywood che oggi si sente sotto attacco, proprio come ai tempi del cinema muto con l'arrivo del sonoro. Le serie tv oggi - sottolinea - rubano senza dubbio tutto quel pubblico adulto che ama il cinema di qualità e che oggi vede questo prodotto tranquillamente a casa. Così gli Studios, sempre più insicuri nel gestire budget importanti, si gettano su film sempre più sicuri, meno rischiosi. E vai allora con reboot, remake e franchising. Diventa così sempre più difficile per un regista - aggiunge -, proprio come è capitato a me negli Usa, trovare le ragioni stesse per cui ha iniziato a fare questo lavoro. Tornare in Italia oggi forse mi può dare ancora questa occasione, quella di ritrovarmi". Questa onda lunga spiega ancora il regista de 'L'ultimo bacio': "ovviamente sta per arrivare anche in Italia e bisogna prepararsi a contenerla in qualche modo". Come può reagire l'Italia? "Certo per il nostro paese non sarà facile, noi non abbiamo una tradizione di film di genere. Come reagirà l'Italia è tutto da vedere". Muccino sarà anche ospite al Giffoni Film Festival il 22 luglio per la giornata conclusiva dell'edizione 2017, e qui ritirerà il Premio Truffaut e racconterà la sua carriera ventennale, maturata tra l'Italia e gli Stati Uniti, a giurati e ragazzi della Masterclass.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie