Un rarissimo Botticelli all'asta a gennaio da Sotheby's

Ritratto di Giovane con Tondo ha una stima record di 80 milioni

Un rarissimo ritratto di giovane uomo di Sandro Botticelli sara' offerto all'asta il 21 gennaio. Il dipinto in ottimo stato di conservazione raffigura un uomo con in mano il tondo di un santo, un originale del Quattordicesimo secolo del pittore senese Bartolomeo Bulgarini inserito nella tavola su cui il maestro della "Nascita di Venere" ha dipinto il ritratto. I quadro andra' in vendita a New York con una stima di partenza di circa 80 milioni di dollari, un record per l'artista e per un quadro di epoca rinascimentale e barocca.

"E' uno dei ritratti piu' significativi di questo periodo", ha detto la casa d'aste, citando il primato precedente per Botticelli, la cosiddetta "Madonna Rockefeller" venduta nel 2013 da Christie's per 10,4 milioni di dollari. Sotheby's non ha rivelato l'identita' dell'attuale proprietario, identificato dall'agenzia Bloomberg nel 92enne miliardario del cemento Sheldon Solow, il proprietario dell'iconico grattacielo 9 West 57 a Manhattan, che a sua volta lo avrebbe acquistato per 1,3 milioni nel 1982. "Botticelli e' un artista che tutti conoscono", ha detto il capo del dipartimento Old Masters di Sotheby's, Christopher Apostle. L'arrivo del quadro sotto il martello del battitore e' certamente una delusione per i molti musei che lo hanno esposto nel corso degli anni, tra cui il Metropolitan di New York dove era arrivato all'inizio dell'anno, dopo tappe alla National Gallery di Londra (1969-1978) e la National Gallery di Washington (1990-2013). Ignota l'identita' del soggetto che potrebbe essere, secondo alcuni, Giovanni di Pierfrancesco de' Medici, il cui fratello Lorenzo fu uno dei grandi mecenati dell'artista.

Botticelli ha creato alcuni dei ritratti piu' importanti nel canone rinascimentale ma solo una decina di esemplari sono sopravvissuti al passare dei secoli e quasi tutti sono custoditi in grandi musei. Solo undici dipinti dell'artista hanno superato il milione di dollari a un'asta e tre di questi erano attribuiti alla sua scuola o a seguaci. Non esistono confronti paragonabili nel settore dei "grandi Maestri", ha detto Apostle che, per determinare la stima pre-asta del "Giovane", si e' basato su altri rari capolavori (Picasso, Rembrandt, Francis Bacon) e sull'attivita' del settore privato. Quanto alla provenienza, il ritratto e' emerso negli anni Trenta a Caernarvon nel Galles, nelle collezioni di Lord Newborough, un cui antenato, Sir Thomas Wynn, lo avrebbe acquistato tre secoli prima durante un soggiorno in Toscana. A meta' anni Trenta il Lord lo avrebbe venduto attraverso un gallerista londinese a un collezionista privato i cui eredi lo avrebbero a sua volta messo all'asta del 1982 dove Solow e' entrato in gioco. 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie