Dopo la neve il pericolo gelicidio, prudenza in auto

Arriva uno sbalzo termico al Sud, ma il maltempo non risparmierà l'Italia anche nei prossimi giorni

Pioggia e neve a bassa quota al Nord, e temperature in aumento ovunque ma in particolare a Sud, dove è previsto un grande sbalzo termico dato che si toccheranno fino a 20 gradi: il gelo di questi ultimi giorni si attenua ma il maltempo non risparmierà l'Italia anche nei prossimi giorni.

Dopo l'emergenza neve, il pericolo che viene dal cielo è ora il gelicidio o pioggia ghiacciata, che mette particolarmente a rischio la circolazione sulle strade. Lo affermano i metereologi di 3Bmeteo, raccomandando prudenza alla guida, almeno fino a tutta la giornata di domani, venerdì, in particolare in Emilia-Romagna e in tutta l'Italia centrale.

"Le correnti di Scirocco e Libeccio che accompagnano la perturbazione - spiega il meteorologo Edoardo Ferrara - stanno dilagando al Centrosud: l'aria mite, più leggera, dove non riesce a scalzare quella fredda preesistente, scorre sopra di essa determinando il rischio di un fenomeno molto pericoloso: la pioggia ghiacciata, altrimenti detto gelicidio. In quota infatti la neve fonde in pioggia, la quale tuttavia può cadere al suolo in un ambiente ancora sottozero, ghiacciando istantaneamente sulle superfici con cui entra in contatto: è quello che è successo oggi sulla Val di Chiana, con la chiusura di un tratto dell'A1 sull' Aretino, ma anche tra la val d'Orcia e la provincia di Pisa, e in serata pure su Marche interne, Pesarese e Riminese. La sua pericolosità è indotta dal fatto che vengono a crearsi lastroni di ghiaccio vivo pericolosissimi, soprattutto per la guida ma non solo".

"Al Sud l'aria calda ha ormai trasformato la neve in pioggia, cosa che sta avvenendo anche al Centro a partire da Lazio e Abruzzo, verso Toscana, Umbria e Marche a partire da Sud" - prosegue Ferrara di 3bmeteo.com - "Il problema è che nelle valli riparate dove ristagna l'aria gelida solo nei bassi strati il rischio gelicidio sarà concreto, ma non solo lì. Entro la prossima notte e venerdì mattina il rischio gelicidio sarà soprattutto sulle vallate interne delle Marche in particolare tra Fabrianese, Urbinate, Pesarese, ma anche sulla Romagna, specie interna, sulle vallate toscane settentrionali e a tratti sull'Emilia, in particolare tra Reggiano, Bolognese e Ferrarese, forse anche sul Rodigino". Attenzione particolare, dunque, si raccomanda sulla tratta appenninica dell'A1 tra Firenze e Bologna, ma anche tra Bologna e Parma, nonchè sull'A14 tra Bologna e Pesaro e sull'A13 in particolare tra Bologna e Rovigo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie