Mons. Boccardo, ricostruzione è ferma

"Oltre 300 chiese danneggiate"afferma il vescovo di Norcia

(ANSA) - SPOLETO (PERUGIA), 7 FEB - "Abbiamo oltre 300 chiese danneggiate, ma la ricostruzione è completamente ferma e questo, purtroppo, vale anche per gli altri edifici": è l'allarme lanciato dal vescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, nell'incontro con i giornalisti per San Francesco di Sales. Il presule si è detto "molto preoccupato per l'ennesimo avvicendamento che si profila alla strutturare commissariale per la ricostruzione", visto il mandando scaduto dell'attuale commissario Piero Farabollini. "Rischia di allungare ulteriormente i tempi", ha evidenziato. Boccardo ha inoltre illustrato lo stato della situazione della Basilica di San Benedetto e della concattedrale Santa Maria Argentea di Norcia. "I lavori di svuotamento delle macerie nella prima - ha detto - si sono di nuovo bloccati per via dei contratti scaduti, mentre per Santa Maria non si può procedere alla ricostruzione perché mancano le linee di indirizzo". Sul fronte dell'occupazione, mons. Boccardo ha ricordato l'iniziativa della diocesi nel recuperare antichi monasteri e adibirli a strutture ricettive. "Al momento - ha detto - ci hanno permesso di dare lavoro a quattro giovani attraverso una cooperativa". Infine saranno attivate altre 21 borse lavoro attraverso la Caritas. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie