Recovery: consulenti,priorità a cantieri Enti locali avviati

Calderone a Draghi, 'coinvolgere i professionisti nei progetti'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Impiegare la quota in anticipazione delle somme destinate all'Italia dal Recovery plan (il 13% del totale) per "portare a compimento i progetti già approvati in via definitiva dagli Enti locali e coinvolgere i professionisti iscritti agli Albi per la progettazione esecutiva": è una delle proposte che la presidente del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro Marina Calderone sottopone al capo del governo Mario Draghi. "L'immissione di ingenti somme nei territori, attraverso l'anticipo dei fondi europei, darebbe modo ai Comuni di disporre subito delle risorse necessarie ad avviare e portare a termine i progetti già approvati, ma ancora in attesa delle coperture finanziarie e delle progettazioni esecutive indispensabili per la concreta attuazione. L'apertura di nuovi cantieri - dichiara - avrebbe ricadute importanti sulle economie locali, con conseguenti benefici anche in termini occupazionali". Il primo passo per l'attuazione di questa idea, recita la nota dell'Ordine dei professionisti, "potrebbe essere quello di coinvolgere le Regioni nell'acquisizione dai Comuni dei dati delle opere già cantierabili, per le quali potrebbero essere bandite le gare per la fase finale di progettazione esecutiva, avvalendosi dell'ausilio di un professionista. I consulenti del lavoro, infatti, nella lettera al presidente Draghi, ribadiscono la loro disponibilità ad affiancare le autorità locali e regionali con le loro competenze e professionalità per rimettere in moto lo sviluppo economico e sociale del Paese", si legge, infine. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie