Fisici-chimici, testo su rifiuti?Professioni sanitarie a rischio

Federazione Ordini si rivolge a ministeri Salute e Ambiente

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 25 SET - La Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici, in una lettera inoltrata al ministero dell'Ambiente e a quello della Salute, ha richiesto un intervento normativo urgente in merito al decreto legislativo del settembre 2020 che recepisce la direttiva europea del 2018 sulle discariche di rifiuti: il ruolo dei chimici "è fondamentale per garantire la salute delle persone e dell'ambiente, soprattutto nell'ambito della gestione dei rifiuti, visto l'impatto e la loro ricaduta sul territorio e, quindi sulla salute. Le modifiche introdotte dal testo rischiano di compromettere proprio quei valori di tutela della salute che riguardano un tema delicato come la gestione dei rifiuti da avviare allo smaltimento nelle discariche. Per questo, abbiamo chiesto ai ministeri competenti un efficace intervento normativo urgente volto a garantire la tutela della collettività mediante i chimici professionisti abilitati all'esecuzione delle analisi chimiche di laboratorio", fa sapere, in una nota, la presidente Nausicaa Orlandi. In particolare, si riferisce, il decreto legislativo introduce "il principio che per verificare l'ammissibilità in discarica di rifiuti si debba procedere al campionamento e alle determinazioni analitiche per il tramite di "laboratori accreditati", anziché - come in precedenza previsto - mediante laboratori dotati di sistema di gestione della qualità garantita dalla presenza di un professionista chimico iscritto all'Albo, il tutto con un tempo di adeguamento di 15 giorni ovvero talmente breve da renderlo impossibile", evidenzia la nota dei professionisti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie