ANSAcom

Novamont-Saes, alleati per packaging riciclabile nel compost

Partnership tecnologica per soluzioni altamente innovative

ANSAcom

I gruppi Novamont e Saes, due eccellenze della ricerca e della tecnologia italiana, ciascuna con un ampio portafogli di brevetti e all'avanguardia nella produzione di materiali biodegradabili e funzionali, uniscono le forze per nuove soluzioni per imballaggi alimentari flessibili, "che rispondano alla crescente domanda di ridotto impatto ambientale e altissime prestazioni funzionali". Queste nuove confezioni potranno essere composte da carta, bioplastica e magari foglio di alluminio e la caratteristica principale è che il packaging sarà riciclabile con il compost.
In particolare, la gamma di soluzioni compostabili (secondo la norma UNI EN 13432) si presta a svariate applicazioni, come appunto il packaging alimentare con permeabilità a gas e vapore paragonabile a quella degli imballaggi tradizionali, che a fine vita possono essere riciclati con il rifiuto organico negli impianti di compostaggio industriale. In pratica, si tratta di confezioni fatte di materiale di origine vegetale in grado di chiudere il cerchio dell'economia perché ritornano alla terra. Attraverso il compostaggio industriale, infatti, evitano lo smaltimento in discarica e contribuiscono alla creazione di compost di qualità, un alleato importantissimo per combattere la desertificazione e l'erosione dei suoli.
Le due aziende spiegano che questi prodotti sono "ideali per sostituire imballaggi multistrato non riciclabili o contaminati da residui di alimenti". Per raggiungere questo obiettivo, Novamont e Saes hanno lavorato in collaborazione con partner industriali italiani leader nel campo del packaging flessibile.

In collaborazione con:
Novamont

Archiviato in