Strasburgo bacchetta Italia su ergastolo

Viola dignità umana perché esclude da benefici come i permessi

(ANSA) - ROMA, 13 GIU - L'Italia deve rivedere la legge che regola l'ergastolo perché viola il diritto del condannato a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti. Così la Corte europea dei diritti umani in una sentenza che in assenza di ricorsi sarà definitiva tra tre mesi. La decisione riguarda il caso di Marcello Viola, condannato per associazione mafiosa, omicidi e rapimenti, in prigione da inizio anni Novanta. La sentenza non implica la liberazione di Viola a cui l'Italia deve versare 6mila euro per i costi legali. La decisione si basa sul fatto che chi è condannato al carcere a vita (ergastolo ostativo) non può ottenere, come gli altri carcerati, alcun 'beneficio' - come per esempio i permessi d'uscita, o la riduzione della pena - se non collabora con la giustizia.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA