Polemica su spot Tirrenia-Moby

Onorato, non siamo xenofobi ma tuteliamo il lavoro

(ANSA) - ROMA, 12 MAR - Torna sui media e sui social del gruppo Onorato la campagna che punta sul personale italiano dei traghetti Moby e Tirrenia, ma stavolta la polemica scoppia in rete e sulla pubblicità firmata dall'agenzia si addensano accuse di discriminazione. I messaggi sui social corrono in giornata dopo la pubblicazione della pubblicità, firmata dall'agenzia Testa che recita: "Il nostro personale? E' tutto italiano", "Scegli solo chi naviga italiano". La scritta campeggia su un paginone con una foto personalizzata di una dipendente con tanto di nome e cognome ed accompagnata a fondo pagina di una spiegazione: "navigare italiano non è uno slogan, è un impegno: significa avere 5.000 lavoratori italiani altamente qualificati, per offrirvi un servizio sempre impeccabile. Significa riconoscere il valore e la professionalità dei nostri connazionali e portare lavoro e fiducia nei nostri porti.
    Significa darvi solo il meglio per trasformare il vostro viaggio in una vacanza".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who