Radio Rai è digital tra star, news, musica e talent

Da Venier a Costanzo, Minoli e Fiorello ma anche Scala e Fenice

  Maurizio Costanzo, Giovanni Minoli, Mara Venier, Stato Sociale, Fiorello, Morgan e Maurisa Laurito: amici e talent popolari sono il mix con cui Rai Radio ha presentato i palinsesti del prossimo autunno. La Rai è "multipiattaforma e multiforme, sempre più contaminata e contaminante", ha detto l'Ad Fabrizio Salini che ha aperto, insieme al direttore della Radio, Roberto Sergio, l'evento per la presentazione della nuova stagione a Via Asiago, condotto da Lorena Bianchetti. La sala B, nella storica sede radiofonica della Rai,  tutta nuova e tecnologicamente avanzata, ha accolto i direttori Luca Mazzà (Rai Radio1), Paola Marchesini (Rai Radio2), Marino Sinibaldi (Rai Radio3), Danilo Scarrone (Rai Isoradio) e Marco Lanzarone (Canali Digitali) per ascoltare le novità. Tra gli arrivi Gianni Minoli a Radio 1 con 'Il Mix delle 5' già on air, che propone editoriali, inchieste, faccia a faccia, attualità sempre in collegamento con gli ascoltatori (in studio con lui Annalisa Chirico e Pietrangelo Buttafuoco), Mara Venier a Radio 2 dal 6 gennaio con 'Chiamate Mara 3131' (ma sarà sulla stessa frequenza per Sanremo, ha annunciato la stessa Mara ndr) e di Maurizio Costanzo a Isoradio con 'Strada facendo' che ha preso il via il 14 ottobre
    "Non so cosa farò con 3131, quindi, ma non vi preoccupate - ha detto Venier - Ci saranno musica, telefonate e attualità e confronto con il pubblico da casa naturalmente". Il programma parte il 6 gennaio. Di qui la battuta di Mara: "Il 6 gennaio arriva su Radio 2 la Befana", scherza, condividendo il suo entusiasmo per la Radio, ricordando la sua presenza a Sanremo con Domenica In, dopo il sabato della finale con tutti i cantanti e tanti ospiti: "Arriverò - ha aggiunto - qualche giorno prima e sarà anche ai microfoni Radio per il festival".
    Rai Radio 2, che ha già molti programmi prodotti in versione radio-televisiva e sta lavorando per portare tutto il palinsesto in modalità anche visiva, ha in serbo più musica a partire dal primo live con Morgan il 2 novembre.

  Nel Centro Rai di Saxa Rubra, dove hanno sede tutte le testate, sarà inaugurato entro il primo semestre 2020 un nuovissimo studio dedicato a Rai Radio1: 300 metri quadrati, internamente personalizzabili, con uno spazio per la musica dal vivo e una tribuna per il pubblico di cui oggi Roberto Sergio ha mostrato il rendering. Parallelamente, si sta lavorando su piattaforma web e app. La nuova RaiPlay Radio, che vedrà la luce nel 2020.
    Radio1 Informazione, sport, talk show radiofonici e musica popolare sono da sempre, ha ricordato Mazzà, il fulcro di Rai Radio1. Prima emittente radiofonica italiana (nata nel 1924), ha oggi circa 4 milioni di ascoltatori, apprezzata su tutto il territorio nazionale grazie alla popolarità di alcune delle sue trasmissioni storiche come Radio Anch'io e Tutto il calcio minuto per minuto che il 10 gennaio compirà 60 anni.
    Un'informazione accurata e tempestiva con 49 edizioni del Gr ogni giorno sui tre canali (30 su Radio1, 13 su Radio2 e 6 su Radio3) e programmi di approfondimento per raccontare l'Italia: le complesse dinamiche della politica, dell'economia, della vita sindacale, della finanza, le vicende di cronaca, l'estero, i fermenti sociali, il territorio, gli eventi culturali lo sport e lo spettacolo.
    Radio2: Nuovi formati, nuovi talent, offerta crossmediale: sono alcuni degli ingredienti del nuovo palinsesto 2019-2020.
    24 ore su 24, 7 giorni su 7, accompagna gli ascoltatori con un'offerta costruita su un mix di programmi cult e novità. Il mattino di Radio2 è affidato al Ruggito del Coniglio in una versione animata da molti nuovi personaggi. A seguire, Radio2 Social Club, il salotto della musica, che da settembre è in onda anche su Rai2, Non è un paese per giovani con Giovanni Veronesi e Max Cervelli, Andrea Delogu e Silvia Boschero. Nel segno della tradizione Caterpillar e CaterpillarAM Lillo e Greg in 610, i Lunatici tutte le notti in diretta e una versione rinnovata di Blackout e di Miracolo Italiano. Infine, la grande musica di Gino Castaldo e Ema Stokholma.
    Tra le novità, lo Stato Sociale con uno Show assolutamente imprevedibile tutte le domeniche pomeriggio, Morgan - il sabato sera - con le sue monografie dei grandi cantautori italiani, poi Fiorello che sarà su Radio2 il sabato e la domenica dalle 11 alle 12 con il meglio di Viva RaiPlay. Ridisegnato il week end con l'ingresso nella squadra di Marisa Laurito. Tante le iniziative speciali: 4 puntate evento con Nek e Andrea Delogu, Radio2 Day (giornate dedicate ai grandi artisti della musica italiana), Radio2 Live (concerti in diretta), il Festival di Sanremo come Radio ufficiale (più di 80 ore di diretta). La stagione di Radio 3 continua con le grandi dirette culturali e musicali: tra queste l'inaugurazione della stagione di Nuova Musica (Torino, 31 ottobre), della Filarmonica della Scala (Milano, 4 novembre), della stagione lirica della Fenice di Venezia (24 novembre) e della Scala di Milano (7 dicembre), del Teatro dell'Opera di Roma (10 dicembre) e del Teatro San Carlo di Napoli (11 dicembre). Da Battisti ai giorni nostri sulle strade della sicurezza
Per Isoradio l’evento più importante di questo 2019 saranno le celebrazioni dei 30 anni: un canale radiofonico nazionale dedicato alla viabilità e alla sicurezza su strade e autostrade d’Italia. Dal primo brano trasmesso alle 5.30 del 23 dicembre 1989 (“Sì, viaggiare”, di Lucio Battisti) fino ai giorni nostri. E, come sempre, la sua programmazione di flusso: notizie su traffico, viabilità urbana ed extraurbana con collegamenti quotidiani di servizio con la Polizia Stradale, le Polizie Municipali delle principali città, la Società Autostrade per l’Italia, l’Anas, le Capitanerie di Porto, gli Aeroporti, le Ferrovie, e il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare, per garantire un’informazione continua e puntuale e tanta musica nelle 24 ore.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA