Mostre: Marietti 1820-2020, due secoli nell'editoria

Tra libri, lettere e foto, da Bossuet e Marx-Engels a Turkowski

(ANSA) - BOLOGNA, 29 SET - Dal libro più antico datato 1822, intitolato "Della sovranità" e firmato dall'ecclesiastico, scrittore e oratore francese Jacques-Bénigne Bossuet, passando per Il manifesto del partito comunista di Marx-Engels fino all'ultimo nato nel 2020, il prezioso e poetico "Fiordiluna" dell'artista tedesco Einar Turkowski, seguendo una tradizione di qualità e impegno nell'editoria lunga 200 anni: non ha solo un valore celebrativo, ma per lo più storico, la mostra "Marietti 1820-2020. Due secoli di libri tra Torino e Bologna", aperta dal primo ottobre al 29 novembre nel quadriloggiato superiore della Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, ideata e promossa dalla casa editrice in occasione del suo bicentenario. Il percorso si snoda lungo 16 vetrine che ospitano oltre 100 tra libri, lettere, fotografie, cataloghi e folder, a documentare gli inizi e l'evoluzione negli anni dell'attività della casa editrice, ed è il felice risultato di un lavoro di ricerca condotto su ciò che resta del catalogo storico, arricchito da recenti ritrovamenti di opere ottocentesche, e su fonti bibliografiche, documenti e testimonianze. La mostra ripercorre tutta la storia di Marietti, con una prima fase - dal 1820 al 1980 - che ha visto sempre la famiglia a capo di una azienda profondamente radicata nel territorio (la casa editrice è rimasta a Torino per 120 anni e a Casale Monferrato per 40); nella seconda fase invece, dal 1980 ad oggi, Marietti si è trasferita prima a Genova, poi a Milano e infine a Bologna, con una maggiore varietà di assetti proprietari. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie