Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Forza Italia nel segno di Tajani, ora avanti sulle nostre gambe

Forza Italia nel segno di Tajani, ora avanti sulle nostre gambe

Eletto segretario all'unanimità. Niente urne per i vice, evitata la conta

ROMA, 24 febbraio 2024, 22:12

Alessandra Chini

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonio Tajani è il primo segretario di Forza Italia dell'era post-Berlusconi. La due giorni di assise al Palazzo dei Congressi incorona il vicepremier con un voto all'unanimità alla guida del partito azzurro. "Ci ispiriamo a Berlusconi ma dobbiamo dimostrare anche di saper camminare con le nostre gambe", sottolinea il segretario nel suo discorso finale. Nel quale ribadisce la metafora calcistica usata anche il primo giorno: "Non è facile indossare la fascia da capitano dopo che l'ha indossata Silvio Berlusconi, non sarò mai Maradona però ce la metterò tutta cercando di coinvolgere il maggior numero di persone".

L'appello ai delegati è, dunque, quello a fare squadra e - citando l'intervento svolto poco prima da Giorgio Mulè - a non "dividersi per mere soddisfazioni o tornaconti personali". Del resto da tempo il leader azzurro ha lavorato per arrivare a 'sminare' le possibili divisioni in vista del congresso. Da ultimo con la scelta di non far passare l'elezione di segretario e vice segretari dal voto nelle urne ma di procedere - non senza provocare qualche malumore tra i delegati - per acclamazione lasciando chiuse le urne elettorali già montate al Palazzo dei Congressi.

Uno dei candidati vice segretari, Roberto Occhiuto, aveva chiesto che ci fosse una votazione in base alla quale, tra l'altro, il più votato avrebbe potuto essere investito anche del ruolo di vice segretario 'anziano' ovvero quello che fa le veci del segretario in caso di impedimento. I vice - ha specificato Tajani - avranno tutti le stesse deleghe ma a ricoprire questo compito, non essendo passati per le urne sarà la più anziana, Debora Bergamini. I quattro vice segretari (Bergamini, Occhiuto, Alberto Cirio e Stefano Benigni) in ogni caso rappresentano un po' tutte le anime del partito. Ma non compare un membro riconoscibile della minoranza. Che oggi si è fatta comunque sentire con i paletti di Licia Ronzulli che ha ricordato al segretario la "delicatezza" del ruolo da lui ricoperto e lo ha invitato a "dar valore a tutte le sensibilità di questa comunità".

Da lunedì - fa sapere Tajani - si partirà con liste per le europee. L'obiettivo da sempre dichiarato per gli azzurri è quello del 10%. La competizione è aperta con la Lega e dal palco del Palazzo dei Congressi lancia un messaggio chiaro agli alleati: "non abbiano nulla da temere da noi" anche se "non possono chiederci di rinunciare alla nostra identità".

Un'identità chiaramente europeista e ben radicata nel Ppe che, per la prima volta, figura anche nel simbolo di Forza Italia. A suggellare l'appoggio agli azzurri da parte della famiglia dei popolari, del resto, sono stati Manfred Weber, prima e la presidente dell'Europarlamento Roberta Metsola, la cui candidatura al bis alla guida del Parlamento Europeo - ha fatto sapere Tajani - sarà sostenuta dagli azzurri. Metsola, d'altra parte, intervenuta dal palco della kermesse, ribadisce la centralità del ruolo di Forza Italia negli equilibri che si delineeranno in Europa dopo il 9 giugno. "L'Europa è forte quando il centro costruttivo europeista lavora insieme".

Altro ospite della giornata - a sorpresa - il leader della Cisl Luigi Sbarra che ha sottolineato con favore l'"endorsement" di Forza Italia alla proposta di legge di iniziativa popolare per la partecipazione dei lavoratori a governance e utili delle imprese. Subito dopo l'elezione a segretario Tajani ha fatto sapere di aver ricevuto un primo messaggio da Marina e dalla famiglia Berlusconi. Ieri Paolo si era fatto vedere al congresso sottolineando il "dovere" di fare un saluto alle assise della "creatura" di suo fratello. Oggi Tajani in qualche modo lo cita: "La famiglia Berlusconi - sottolinea - continua a seguire con affetto e attenzione e rispetto dei ruoli la più bella creatura di Silvio Berlusconi che è Forza Italia".    

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza