Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bocciata la proposta sul terzo mandato, la maggioranza si spacca

Bocciata la proposta sul terzo mandato, la maggioranza si spacca

Fdi-Fi votano contro la Lega. Salvini avverte, voto in Aula

ROMA, 23 febbraio 2024, 12:30

Luca Ferrero

ANSACheck

Meloni, terzo mandato non crea problemi a governo o maggioranza - RIPRODUZIONE RISERVATA

Meloni, terzo mandato non crea problemi a governo o maggioranza -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Meloni, terzo mandato non crea problemi a governo o maggioranza - RIPRODUZIONE RISERVATA

 La commissione affari costituzionali del Senato boccia il terzo mandato per i governatori, la maggioranza si spacca. I parlamentari di Fratelli d'Italia e Forza Italia votano contro l'emendamento al decreto elettorale con cui la Lega ha tentato di aprire la strada alla ricandidatura di Luca Zaia in Veneto. Il risultato finale è schiacciante: i voti favorevoli alla proposta leghista sono solo quattro, i no 16.

Al fianco dei senatori leghisti si schiera soltanto Italia Viva. A respingere l'emendamento, con FdI e Fi, sono invece le opposizioni, con Pd, M5s e Avs che si compattano sul voto contrario. La premier Giorgia Meloni ricorda che il terzo mandato "non era inserito nel programma" di governo e rassicura: "non è una materia che crea problemi alla maggioranza". Ma la Lega non molla. Il presidente del Veneto Zaia tiene a precisare che "la strada è ancora molto lunga". E a confermare che da via Bellerio non c'è alcuna intenzione di lasciarla vinta agli alleati di governo ci pensa il segretario e vicepremier Matteo Salvini. Che avverte: "se ne parlerà nell'Aula del Parlamento che è sovrana".


Una frase lanciata poco dopo la spaccatura in Commissione e in cui molti leggono l'ipotesi che la Lega possa ripresentare l'emendamento quando il decreto approderà nell'Aula di Palazzo Madama. Eventualità che secondo alcuni porterebbe allo scontro frontale in maggioranza. "Perché la bocciatura in Commissione è una cosa, ma andare al redde rationem in Aula è ben più pesante", spiega qualcuno in Transatlantico. A sentire il senatore veneto della Lega Paolo Tosato, vicepresidente della Commissione, si tratterebbe tuttavia di un'ipotesi che al momento non intimorisce almeno una parte del partito.


"Ripresenteremo le nostre proposte - spiega Tosato - e cercheremo di convincere i nostri alleati di maggioranza a rivedere le loro posizioni".
Dalle parti di Fdi e Fi c'è l'auspicio che con il voto in Commissione si possa scrivere la parola "fine" a giorni di battibecchi e frizioni con la Lega. Da qui il tentativo di tenere i bassi i toni, a partire dalla premier, che parla di "opinioni diverse" e discussioni "in massima serenità". Le fa eco il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani di FdI, quando ricorda che "sono cose che succedono, ma l'attività del governo non viene minimamente toccata". "Nessuna lacerazione", assicura Forza Italia con Maurizio Gasparri. La stessa Lega ha evitato di andare all'impatto con l'esecutivo, ritirando in Commissione l'emendamento sul terzo mandato ai sindaci per i comuni superiori ai 15 mila abitanti su cui era arrivato il parere negativo del governo.


E c'è chi fa notare che anche all'interno della Lega, non tutti sarebbero d'accordo ad andare al muro contro muro. Sulla linea del presidente del Friuli Venezia-Giulia Massimiliano Fedriga, che aveva già invitato a riaprire la discussione dopo le elezioni europee, ci sarebbe anche un gruppo di parlamentari, tra cui il capogruppo al Senato Massimiliano Romeo, che si è tenuto alla larga dalle tensioni in Commissione.


Tensioni che si riverberano anche nel campo delle opposizioni. Pd e M5s puntano il dito sulle divisioni interne alla maggioranza. Ma c'è chi, come Enrico Borghi di Italia Viva, si scaglia contro "l'insipienza del campo largo".

Nel partito guidato da Matteo Renzi, infatti, c'era l'auspicio di trainare le altre opposizioni verso un voto favorevole al provvedimento, così da scrivere una "sconfitta totale della premier".

Ma i dem, dopo riunioni accese e aspri dibattiti interni, alla fine scelgono di cambiare la linea della non partecipazione al voto e virano verso il voto contrario, già annunciato da M5s e Avs.

Con l'esito, però, di non aver "salvaguardato l'unità del partito", come evidenzia l'ala riformista guidata dal presidente Stefano Bonaccini, e sostenuta dai sindaci dem favorevoli al terzo mandato. 

Video Romeo: 'Emendamento non passa? Noi lo riproporremo, nessuno mette all'angolo Zaia'

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza