Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giovedì si sceglie la sede dell'Autorità antiriciclaggio, Roma tra le 9 candidate

Giovedì si sceglie la sede dell'Autorità antiriciclaggio, Roma tra le 9 candidate

Per la prima volta decideranno Parlamento europeo e Consiglio e non gli Stati

21 febbraio 2024, 16:29

Redazione ANSA

ANSACheck

Una veduta dell 'Europarlamento © ANSA/AFP

Una veduta dell 'Europarlamento © ANSA/AFP
Una veduta dell 'Europarlamento © ANSA/AFP

Attesa per il voto giovedì a Bruxelles sulla sede della nuova autorità europea dell'Antiriciclaggio, l'Amla.

Roma è tra le nove città in gara e secondo quanto si raccoglie da fonti europee se la può giocare, anche se alla vigilia resta ancora molto ampia la rosa delle 'papabili'. L'alto numero di candidati e la modalità di voto rendono poi complicato ogni pronostico, perché induce più del solito a tener le carte coperte sino all'ultimo.

Per la prima volta la città ospite di un'agenzia europea sarà decisa congiuntamente da Parlamento Ue e Consiglio, e non solo dagli Stati come in passato, su indicazione della Corte Ue (dopo ricorso italiano sull'agenzia del farmaco). Il voto sarà segreto e ripartito tra i rappresentanti degli Stati e dell'Eurocamera, con 27 voti a testa. La vincitrice tra le nove sarà decisa a maggioranza semplice dei voti espressi (28 su 54, ma anche 26 se per esempio votassero solo in 50). Per gli Stati ciascuna delegazione dovrebbe schierare il proprio rappresentante, mentre per il Pe voteranno i relatori, più i relatori ombra, anche se la composizione esatta sarà in realtà decisa dalle due commissioni coinvolte: quella per l'Economia (Econ) e quella per la Giustizia (Libe).

A decisione presa, attesa nella notte, ci sarà una conferenza nella sala del Consiglio all'Europa Building. Da quanto filtra la presentazione di Roma all'audizione congiunta tra Pe e Consiglio a fine gennaio è apparsa convincente, con anche un buon valore economico associato all'offerta (27 milioni per i primi otto anni). Hanno colpito per la parte economica anche Vienna (copertura perpetua dei costi) e Dublino (80 milioni di euro sul tavolo), assieme a Madrid (112mila euro al mese per la sede, più spese generali), che però potrebbe scontare qualche malumore per aver appena portato a casa la presidenza della Bei, affidata all'ex ministra dell'Economia Nadia Calvino.

Si ritengono comunque ben posizionate Parigi e Francoforte. Bruxelles, Riga e Vilnius sono le altre candidate.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza