Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Primo sì all'Autonomia, ma è bagarre in Aula

Primo sì all'Autonomia, ma è bagarre in Aula

Atteso ora il voto alla Camera. Protesta delle opposizioni con l'Inno di Mameli e tricolore: fogli con la bandiera italiana dai banchi del Partito democratico durante le dichiarazioni di voto

23 gennaio 2024, 23:14

di Simonetta Dez

ANSACheck

In Aula al Senato - RIPRODUZIONE RISERVATA

In Aula al Senato -     RIPRODUZIONE RISERVATA
In Aula al Senato - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il coro con l'Inno di Mameli, i tricolori sventolati dalle opposizioni e la bandiera della Serenissima accompagnano il primo sì all'Autonomia differenziata nell'Aula del Senato. La marcia del ddl Calderoli, tra scontro politico, bagarre e note di colore, si sposta ora a Montecitorio per tentare un via libera definitivo prima delle elezioni europee. Almeno questo nelle intenzioni della Lega che vorrebbe giocare la carta devoluzione in campagna elettorale.

Le proteste dei gruppi di minoranza hanno animato l'epilogo di una battaglia politica arrivata alle battute finali senza troppe sorprese. Nonostante la diretta tv i leader di partito non intervengono in dichiarazione di voto. A inizio seduta nei banchi del governo solo i ministri della Lega Roberto Calderoli e Matteo Salvini. Si nota anche l'assenza di Ignazio La Russa sullo scranno della presidenza. Qualcuno dice che sia stata una cortesia alla Lega far presiedere Gian Marco Centinaio, per altri invece sarebbe un modo per non enfatizzare l'approvazione di una legge che, parlando di devoluzione, crea un attrito con le posizioni centraliste di FdI. Quando i dem a sorpresa tirano furi i fogli A4 con stampata la bandiera dell'Italia nel corso delle dichiarazioni di voto, al grido di "Viva l'Italia antifascista" e su qualche cartello anche la scritta "Viva Verdi", il commento di FdI non si fa aspettare, Andrea De Priamo, prendendo la parola chiosa: "Dalla bandiera rossa al tricolore è già un bel passo avanti".

Video Autonomia, opposizione intona Inno di Mameli durante la votazione in Senato

 

Nessuno però poteva immaginare che il risultato del voto sulla legge sulla devoluzione alle Regioni sarebbe stato anticipato dal canto patriottico per eccellenza: Fratelli d'Italia. E' andata così, i senatori Pd e M5s hanno intonato le prime note, seguiti dal resto delle opposizioni, il centrodestra allora non ha perso l'occasione per accodarsi. Tutti in piedi a cantare. Così mentre un coro possente andava in diretta tv, la senatrice della Lega Mara Bizzotto, tira fuori la bandiera della Liga Veneta mentre i colleghi di partito attorno a lei scattavano selfie. E' il caos in Aula, Centinaio richiama all'ordine, ottiene un po' di silenzio e comunica il risultato, 110 sì, 64 no e 3 astenuti: opposizioni contro, maggioranza a favore e Azione astenuta con Maria stella Gelmini che vota a favore in dissenso dal gruppo.

Per la parte politica ha tenuto banco il copione è quello che va in onda da qualche mese. Le opposizioni gridano allo "Spacca Italia" e dichiarano battaglia con referendum e chiamate di piazza, ricordano la rimozione della legge di iniziativa popolare. FdI rivendica l'attenzione alla coesione nazionale introdotta nel ddl, FI parla di "un'Italia più autonoma, ma unita". Quello che il capogruppo Francesco Boccia definisce la resa della Meloni alla Lega, per il presidente dei senatori leghisti Massimiliano Romeo è un "patto di maggioranza" di cui andare "fieri". Esulta quindi la Lega e per Calderoli è un "Passo avanti verso un risultato storico" mentre parla di "un gran risultato" il ministro Salvini. 

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza