Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Casellati spinge sulle riforme. Verdi e Pd: 'Opposizione dura'

Casellati spinge sulle riforme. Verdi e Pd: 'Opposizione dura'

Per il ministro, le riforme sono una scommessa da vincere per il Paese.

ROMA, 02 gennaio 2023, 21:33

Redazione ANSA

ANSACheck

Casellati: Il treno delle riforme costituzionali è partito - RIPRODUZIONE RISERVATA

Casellati: Il treno delle riforme costituzionali è partito - RIPRODUZIONE RISERVATA
Casellati: Il treno delle riforme costituzionali è partito - RIPRODUZIONE RISERVATA

In una intervista al Messggero il ministro Elisabetta Alberti Casellati rilancia una proposta di riforma della Costituzione, annunciando una consultazione con i gruppi parrlamentari in attesa di una proposta dell'esecutivo. Immediata la reazione dell'opposzione. I Verdi respingono con forza l'ipotesi di presidenzialismo. Mentre il Pd annuncia "opposizione rigorosissima". 

 

Casellati: "Le riforme sono una scommessa da vincere per il paese"
Per il ministro Elisabetta Alberti Casellati, le riforme sono una scommessa da vincere per il Paese. "Grazie alla Costituzione di cui festeggiamo i 75 anni, l'Italia è diventata uno Stato moderno, avanzato, attrattivo, stabilmente fra i grandi del mondo - dice il ministro per le Riforme istituzionali e la semplificazione normativa al Messaggero - oggi abbiamo un compito importante: preservare il cammino percorso grazie alla 'nostra' Carta e insieme ripensare alcune soluzioni per renderla attuale e funzionale. Dalla fine degli anni '80 abbiamo assistito a innumerevoli confronti, proposte, idee, commissioni, pensati e promossi da Parlamenti e governi della più diversa compagine politica, nella comune consapevolezza che per migliorare il funzionamento del circuito democratico è indispensabile una riforma. Sono decenni che, in particolare, sentiamo denunciare le debolezze della forma di governo italiana. Decenni che sentiamo invocare l'esigenza di razionalizzare le istituzioni politiche, ma, alla prova dei fatti, sembra che riformare questa parte della Costituzione sia una 'missione impossibile'". Casellati spiega che la nostra forma di governo oggi è profondamente cambiata, "plasmata dalla trasformazione del sistema partitico, dai cambiamenti della legge elettorale, dalle spinte all'integrazione europea, dal confronto con l'elezione diretta di sindaci e presidenti di Regioni abbiamo registrato una forte fragilità degli esecutivi, incapaci di dare un indirizzo politico di lungo termine. 69 governi in 75 anni con una durata media di 14 mesi. La stabilità - puntualizza - è dunque un'esigenza ineludibile per dare credibilità al nostro Paese e per rafforzare il sistema democratico. Troppo spesso si è assistito a un voto dei cittadini al quale è seguito un governo che non corrispondeva alle scelte degli elettori; un disallineamento che ha portato a un crescente astensionismo nelle ultime tornate elettorali". "Io credo perciò che il nostro Paese sia ormai maturo per una riforma costituzionale che vada nella direzione dell'elezione diretta e popolare del presidente della Repubblica o del Consiglio, formule che noi stessi in Italia abbiamo sperimentato a livello locale e regionale. E allora, dopo 75 anni, in nome dei padri Costituenti, il nostro impegno non può che essere quello di attuare una riforma armonica e condivisa, che sappia rendere ancora più salda e più forte la nostra Costituzione per un'Italia che guarda al futuro", conclude.

Casellati: entro l'estate una proposta del governo 
"Ritengo che la mia attività di ascolto possa terminare entro la fine del mese di gennaio, ascoltando i rappresentanti di tutti i partiti o gli esperti indicati dalle varie forze politiche. La proposta sarà pronta quando avrò ascoltato le posizioni e le ragioni di tutti i gruppi parlamentari, sperando di trovare un punto di caduta". I tempi? "Prima dell'estate la proposta del governo dovrebbe essere certamente pronta, ma è difficile per me oggi dare dei tempi certi. Dovrò anche ascoltare diversi costituzionalisti". Lo afferma la ministra per le Riforme Maria Elisabetta Alberti Casellati, interpellata da Affaritaliani.it.

Zaratti (AVS): "Mai un uomo solo al comando"
"La ministra Casellati fa sapere che inizierà una consultazione tra i gruppi parlamentari in merito alla proposta di modificare la Repubblica parlamentare in presidenziale. Noi daremo voce a quella consistente parte del Paese che guarda alla Costituzione come una bussola della nostra vita collettiva, proprio come indicato dal presidente Mattarella nel suo discorso di fine d'anno. Ci muoveremo dunque nel solco della Carta del ' 48, difendendo ogni spazio democratico e contro la cultura dell'uomo solo al comando. In ogni caso crediamo sia del tutto inopportuno che questa materia sia d'iniziativa governativa". Così Filiberto Zaratti, capogruppo di Alleanza Verdi e Sinistra in commissione Affari costituzionali della Camera.

Fonti Pd: "C'è sciatteria, opposizione rigorosissima" 
"Improvvisazione, sciatteria e lacerazioni interne. Oltre questo l'azione di governo fin qui non si è spinta. Che lo stesso metodo di lavoro ricada sulle riforme istituzionali è una eventualità che preoccupa e sulla quale la nostra opposizione sarà netta e rigorosissima". Così fonti del Nazareno interpellate in merito.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza