Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. A Catanzaro festa Fiorita sino a tarda notte

A Catanzaro festa Fiorita sino a tarda notte

Il neo-sindaco ottiene più voti che al primo turno.Crollo Donato

E' andata avanti sino a tarda notte, tra cori ed il canto di "Bella ciao", la festa per le strade del centro di Catanzaro dei sostenitori di Nicola Fiorita, espressione di liste civiche e del campo largo auspicato da Enrico Letta anche a livello nazionale con Pd e Movimento 5 Stelle alleati, eletto sindaco della città con il 58,24% dei consensi. Una vittoria in rimonta che gli ha consentito di superare lo sfidante, il civico ex Pd Valerio Donato, sostenuto anche da Lega e Forza Italia, ma senza simboli, da forze di centrosinistra e, al turno di ballottaggio, anche da Fratelli d'Italia ma senza l'apparentamento formale. Una vittoria in rimonta che ha fatto sì che Fiorita, docente di Diritto canonico e Diritto ecclesiastico all'Università della Calabria, ottenesse ancora più voti rispetto al primo turno, 17.823 contro 14.966, in una tornata caratterizzata da una scarsissima affluenza, appena il 42,22% rispetto al 65,91% di 15 giorni fa. Una flessione che sicuramente ha favorito il neo-sindaco - insieme alla voglia di cambiamento dell'elettorato dopo 10 anni a guida centrodestra con l'uscente Sergio Abramo e alla frammentazione con cui si è presentato il centrodestra, schierato su tre candidati diversi - ma che forse non spiega totalmente il dato di ieri. Donato, docente di Diritto privato all'università Magna Graecia di Catanzaro, infatti, subisce un vero crollo di consensi, passando da 20.768 a 12.778.

Un dato sul quale il candidato uscito sconfitto dal ballottaggio dovrà riflettere insieme alla compagine che lo ha sostenuto. "Non bisogna ricercare dietrologie - il suo primo commento a caldo - c'è una sconfitta e bisogna che se ne prenda atto, non mi pare ci siano altri dati da commentare. Poi ci sarà una valutazione più approfondita e si vedrà se per caso ci sono flussi anomali ma onestamente è un po' di dietrologia che vorrei eliminare dalla mia mente in questo momento". "Il centrodestra - la lettura di Fiorita del dato - ha fatto un disastro anche in questa campagna elettorale, costruendo un progetto non credibile a cui si è aggiunto all'ultimo momento anche Fratelli d'Italia e questo forse ci ha aiutato. La verità vera è che questa città voleva cambiare. Voleva sperare e fidarsi di qualcuno". Dopo il turno di ballottaggio, secondo i dati riportati dal sito del Viminale, alla coalizione di Donato spetta comunque la maggioranza in Consiglio comunale ottenuta già al primo turno: 17 seggi; 9 vanno alla coalizione di Fiorita e 3 a quella dell'altro candidato di centrodestra, il presidente del Consiglio dell'ordine degli avvocati Antonello Talerico, che per il ballottaggio, pur senza apparentamenti, aveva dato indicazione di voto per Fiorita. Il Consiglio è poi completato da Fiorita, Donato, lo stesso Talerico e la deputata di Fratelli d'Italia Wanda Ferro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie