Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Meloni apre Atreju, occhi puntati sul Quirinale

Meloni apre Atreju, occhi puntati sul Quirinale

Minuetto Berlusconi-Di Maio.Giorgetti, serve responsabilità.

Atreju torna, sfida l'inverno e guarda inevitabilmente al Quirinale. La manifestazione di Fratelli d'Italia - organizzata in genere a settembre e lanciata nel 1997 su proposta anche di Giorgia Meloni, allora ventenne di Azione giovani - riprende dopo due anni di stop. Prima bloccata dal Covid, quest'anno dalla campagna elettorale per le amministrative di ottobre. Da oggi torna con un esperimento in versione natalizia, lungo una settimana. Cambia pure la location: è in piazza del Risorgimento, tra il Vaticano e le vie dello shopping del rione Prati a Roma. Ma come prevedibile, alla sua prima giornata è il risiko del Colle a rubare la scena.
    Nonostante la premessa della leader di FdI ("Non credo che questo sia il luogo in cui parlare del Quirinale, è presto", dice tagliando il nastro di Atreju), è lei stessa a rimarcare il suo desiderata: "Io cerco un capo dello Stato che faccia il capo dello Stato, che faccia rispettare la Costituzione e difenda la sovranità nazionale". Subito dopo il tema si anima, complice un dibattito sul lavoro con due ministri e big della politica: il responsabile della Farnesina, Luigi Di Maio (per la prima volta ad Atreju) e quello dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti (che Meloni accoglie come "un habituè"). Sul palco c'è anche Antonio Tajani, numero due di Forza Italia. Ed è lui a lanciare la palla in campo: "Un governo di unità nazionale può andare avanti solo se guidato da una personalità di straordinaria forza, e Draghi è Draghi", sentenzia portando al 2023 l'orizzonte del governo dell'attuale premier. Quindi, pur riconoscendogli il primato di "migliore candidato per il Quirinale", chiude le porte a una sua successione a Sergio Mattarella: "Ritengo che per affrontare l'emergenza coronavirus serva Draghi a Palazzo Chigi".
    Non fa nomi, invece, Di Maio ma sposta la 'contesa' sulla Lega: "Temo molto di più che nel centrodestra ci sia una profonda spaccatura sul Quirinale, soprattutto a opera di Matteo Salvini, che in questo momento non so quanto possa essere affidabile". E fa un omaggio alla padrona di casa: "Reputo più affidabile Giorgia Meloni". In imbarazzo Giorgetti, seduto accanto che glissa sulla lealtà di Salvini ("Questa domanda non era prevista", si limita a dire sorridendo) e invoca "responsabilità", viste le "circostanze oggettive" che complicano la partita. "Questo è il momento del senso di responsabilità che significa meno dichiarazioni possibili e più riflessioni possibili", spiega il ministro lasciando intendere che resta favorevole all'ipotesi di Draghi al Colle. Non la disdegna, implicitamente, nemmeno Romano Prodi che osserva: "Certamente il capo dello Stato ha meno poteri del presidente del Consiglio, ma ha 7 anni di fronte a sé".
    Al di là del prossimo presidente della Repubblica, ad Atreju si consuma l'inaspettata e incerta neo-sintonia tra il M5s e FI.
    Ad aprire un varco è Silvio Berlusconi che sul numero speciale dei 35 anni di Milano Finanza sembra 'riabilitare' il voto di protesta dei 5S perché "nasceva dallo stesso disagio e dallo stesso fastidio per un certo tipo di politica per la quale è nata Forza Italia". E aggiunge: "Hanno dato voce a un disagio reale che merita rispetto, attenzione e anche risposte". Di Maio si limita a definire "significativa" la mano tesa dal Cavaliere sul reddito di cittadinanza, provvedimento bandiera dei 5S. Ma è Giuseppe Conte a spegnere ogni speranza, andando al sodo: "Apprezzo il cambio di rotta di Berlusconi sul Movimento, ma non sarà lui il candidato del M5s". E il presidente del M5s conclude: "Per il capo dello Stato abbiamo altri obiettivi".
    
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie