Politica

Mattarella, sconcerta la difesa di diritti senza accoglienza

'Non è all'altezza dei valori dell'Unione europea'

In questi giorni "una cosa appare sconcertante" nelle voci dei politici europei ed è la "grande solidarietà nei confronti dei diritti degli afghani che rimangono là. Questo non è all'altezza dei valori dell'Unione".  Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione del 40° seminario per la formazione federalista europea in occasione dell'80° anniversario del Manifesto di Ventotene. 

Serve "un dialogo collaborativo con altre parti del mondo per governare insieme questo fenomeno" della migrazione perché "solo una politica di gestione comune dell'immigrazione può evitarci di essere travolti da un fenomeno incontrollabile". 

 "I gelidi antipatizzanti si diano pace, l'Ue non tornerà indietro",  ha affermato ancora Mattarella, ricordando gli strumenti messi in campo dall'Europa per contrastare, ad esempio, la pandemia. Tra questi il Next generation Eu che "rappresenta una svolta" anche perché sarà uno di quegli " strumenti che resteranno". 

Sulla politica migratoria "so bene che molti paesi sono frenati da preoccupazioni elettorali contingenti, ma così si finisce per affidare la gestione delle migrazioni agli scafisti e ai trafficanti degli esseri umani", ha aggiunto Mattarella, secondo il quale non si può rinunciare alla "responsabilità di spiegare alle pubbliche opinioni che non è ignorando il fenomeno che lo si governa"

VIDEO

 


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie