Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Draghi stoppa Letta sulla tassa di successione

la proposta del pd

Draghi stoppa Letta sulla tassa di successione

Il segretario del Pd pensa a una 'dote per i diciottenni pagata dall'1% più ricco del Paese'. Il premier: 'Ora non è il momento di prendere soldi ai cittadini ma di darli'. 'L'Italia non ha bisogno di nuove tasse, i Dem si rassegnino', dice Salvini

ROMA, 20 maggio 2021, 14:41

Redazione ANSA

ANSACheck

Enrico Letta ospite di Porta a Porta, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Enrico Letta ospite di Porta a Porta, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Enrico Letta ospite di Porta a Porta, foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

La proposta del segretario del Pd, Enrico Letta, di finanziare una "dote per i diciottenni" con una tassa di successione viene è stata stoppata a stretto giro dal premier, Mario Draghi. 

"Su 7 del Corriere lancio la proposta di dote per i diciottenni. Per la generazione più in crisi un aiuto concreto per studi, lavoro, casa. Per essere seri va finanziata non a debito (lo ripagherebbero loro) ma chiedendo all'1% più ricco del paese di pagarla con la tassa di successione", ha scritto su Twitter Letta che per ottenere quell'obiettivo - come si legge in un passo dell'intervista anticipata da Corriere.it - si dice "disposto a venire a patti anche sulla legge elettorale". 

"Il mio sogno è trattenere i ragazzi italiani in Italia, senza però farli restare in casa con mamma e papà fino a trent'anni - è la tesi del segretario del Pd -. Il problema principale del nostro Paese è che non fa più figli. Ci vuole una dote per i giovani, finanziata con una parte dei proventi della tassa di successione, e un accesso ai mutui-abitazione anche per chi non ha genitori in grado di fornire garanzie". 

Nella conferenza stampa di presentazione del Dl Sostegni bis, Draghi ha liquidato così la proposta: "Non ne abbiamo mai parlato, non l'abbiamo mai guardata ma non è il momento di prendere i soldi ai cittadini ma di darli". 

"Anche in questa circostanza c'è piena sintonia con il premier Draghi, se c'è una cosa di cui l'Italia non ha bisogno sono nuove tasse. Letta e il Pd si rassegnino", ha commentato il leader della Lega, Matteo Salvini su twitter. Contro l'idea di Letta si schiera anche Forza Italia. "Fintanto che al governo ci saranno Fi e il centrodestra, Letta si scordi qualsiasi irricevibile aumento di tasse - afferma Roberto Occhiuto, capogruppo di Fi alla Camera -. Il segretario dem vuole mettere le mani nelle tasche degli italiani? Lo dica ai cittadini in campagna elettorale e proponga al Paese un esecutivo di sinistra con al primo punto l'aumento della pressione fiscale. Per quanto ci riguarda quella di Letta è un'idea non percorribile da questo governo di unità nazionale che ha come obiettivi il superamento dell'emergenza sanitaria ed economica". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza