Il Papa: dalle paure nascono le dittature

'Chi costruisce muri ne resterà prigioniero'

 "Vedo che tanta gente di buona volontà, non solo cattolici, ma gente buona, di buona volontà è un po' presa dalla paura che è la predica usuale dei populismi, la paura. Si semina paura e poi si prendono delle decisioni. La paura è l'inizio delle dittature". Lo ha detto papa Francesco rispondendo ai giornalisti sul volo di ritorno da Rabat.

 "Andiamo al secolo scorso, alla caduta di Weimer, questo lo ripeto tanto - ha proseguito Francesco -. La Germania aveva necessità di una uscita e, con promesse e paure è andato avanti Hitler, conosciamo il risultato, conosciamo il risultato. Impariamo dalla storia, questo non è nuovo: seminare paura è fare una raccolta di crudeltà, di chiusure e anche di sterilità". "Pensate all'inverno demografico dell'Europa - ha aggiunto -. Anche noi che abitiamo in Italia sotto zero. Pensate alla mancanza di memoria storica: l'Europa è stata fatta da migrazioni e questa è la sua ricchezza. Pesiamo alla generosità di tanti paesi, che oggi bussano alla porta dell'Europa, con i migranti europei dall'84 in su, i due dopoguerra, in massa, America del nord, America centrale, America del sud". "Mio papà è andato lì nel dopoguerra in accoglienza - ha raccontato -. Un po' di gratitudine... È vero, per essere comprensivi, che il primo lavoro che dobbiamo fare è cercare che le persone che migrano per la guerra o per la fame non abbiano questa necessità". 

"Sentiamo dolore quando vediamo le persone che preferiscono costruire dei muri. Perché abbiamo dolore? Perché coloro che costruiscono i muri finiranno prigionieri dei muri che hanno costruito. Invece quelli che costruiscono ponti, andranno tanto avanti". Così il Papa durante il volo da Rabat. "Costruire ponti per me è una cosa che va quasi oltre l'umano, ci vuole uno sforzo molto grande. Mi ha sempre toccato tanto una frase del romanzo di Ivo Andric, 'Il ponte sulla Drina': dice che il ponte è fatto da Dio con le ali degli angeli perché gli uomini comunichino".

   "Se l'Europa così generosa vende le armi allo Yemen per ammazzare dei bambini come fa l'Europa a essere coerente - ha detto ancora -. E dico questo è un esempio, ma l'Europa vende delle armi. Poi c'è il problema della fame, della sete. L'Europa, se vuole essere la madre Europa e non la nonna Europa deve investire, deve cercare intelligentemente di aiutare ad alzare con l'educazione, con gli investimenti e questo non è mio, lo ha detto il cancelliere Merkel. È una cosa che lei porta avanti abbastanza: impedire l'emigrazione non con la forza ma con la generosità, gli investimenti educativi, economici, ecc. e questo è molto importante". "Secondo, su come agire - ha aggiunto -, è vero che un Paese non può ricevere tutti, ma c'è tutta l'Europa per distribuire i migranti, c'è tutta l'Europa. Perché l'accoglienza deve essere con il cuore aperto, poi accompagnare, promuovere e integrare. Se un Paese non può integrare deve pensare subito di parlare con altri paesi: tu quanto puoi integrare, per dare una vita degna alla gente".

   "Io di politica italiana Non capisco". Così il Papa, sul volo di ritorno da Rabat, ha risposto alla domanda su cosa pensasse della frase del ministro dell'Interno Salvini secondo cui più che della famiglia, bisogna avere paura dell'Islam. "Avevo letto del 'Family day'. Non so cosa sia, davvero, so che è uno dei tanti 'day' che si fanno. So anche che ho letto la lettera del cardinale Parolin e sono d'accordo, pastorale, di buona educazione. Ma di politica italiana non domandatemi, non capisco", ha aggiunto Francesco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie