Mondo

Iraq: sale tensione per proteste popolari a Suleimaniya

Assaltate sedi partiti, chiusi uffici dei media opposizione

(ANSA) - BEIRUT, 07 DIC - Si intensificano le proteste popolari nel Kurdistan iracheno contro la classe politica e il governo autonomo di Erbil a causa del mancato pagamento per due mesi consecutivi degli stipendi ai dipendenti pubblici.
    Media curdo-iracheni riferiscono stamani di violente proteste scoppiate nel fine settimana nella città di Suleimaniya e nel sobborgo di Piramagrun, da parte di centinaia di dipendenti pubblici, per lo più insegnanti delle scuole.
    Alcuni manifestanti hanno preso d'assalto a Piramagrun le sedi dei partiti al governo e, in un caso, hanno incendiato col lancio di bombe Molotov una parte dei locali dei partiti, dominati rispettivamente dal clan dei Barzan e da quello dei Talabani.
    I manifestanti, che hanno bloccato diverse strade attorno e fuori Suleimaniya, sono stati respinti da agenti in tenuta anti-sommossa che hanno usato getti d'acqua sparati con idranti e pallottole di gomma.
    Poche ore fa le autorità curdo-irachene hanno anche ordinato la chiusura degli organi di stampa dei partiti di opposizioni e di alcuni media vicini al movimento di protesta. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie