Coronavirus: Sicilia, aumentano pazienti guariti sono 71

Dati confortanti anche per degenti che escono da Rianimazione

(ANSA) - PALERMO, 30 MAR - L'emergenza Coronavirus che ha portato e sta portando negli ospedali siciliani centinaia di pazienti regala importanti segnali di speranza. Perché si registrano nell'Isola diversi casi di persone guarite (71 secondo l'ultinmo report diffuso oggi) e di degenti che escono dai reparti di terapia intensiva. E' successo a Catania, dove è salito a 10 il numero di persone guarite da Covid-19 nel reparto di Malattie infettive nell'ospedale Garibaldi-Nesima. Gli ultimi due sono uomini di 58 e di 62 anni. Pronti per le dimissioni dal 'Covid hospital' di Partinico, nel Palermitano, altri 5 pazienti, tra i quali un'anziana di 92 anni, che si trovava nella residenza sanitaria assistita di Villafrati (dichiarata 'zona rossa'), dove si è registrato un focolaio. Gli altri 4 pazienti sono una coppia, un altro proveniente da Sciacca e uno da Bagheria. Hanno ripreso la respirazione autonoma altri due pazienti positivi ricoverati nell'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani. I degenti di 83 e 58 anni, provenienti rispettivamente da Paceco e Salemi, hanno lasciato il reparto di rianimazione per essere trasferiti in quello di pneumologia del per proseguire le terapie previste fino alla completa guarigione clinica e conseguente negatività dei tamponi. Nel Trapanese sale a tre il numero complessivo dei ricoverati che hanno abbandonato la ventilazione meccanica. Primi due pazienti estubati anche nell'unità di anestesia e rianimazione dell'ospedale 'Santa Marta e Santa Venera' di Acireale, nel Catanese: sono un 64enne, di Catania, e un 86enne, residente a Zafferana Etnea che respirano autonomamente. I medici lavorano su una terapia combinata di farmaci, Idrossiclorichina, Lopinar e Azitromicina, mentre per i casi più complessi, è prevista la sperimentazione del Tolicizumab. "Nell'ultima settimana la rete delle terapie intensive attivate in Sicilia per i pazienti con infezione da Covid-19, che sono andati incontro a grave insufficienza respiratoria e ventilazione controllata con intubazione, registra la funzione della respirazione autonoma in una percentuale tra il 20 al 40%, percentuale variabile in rapporto alla severità del quadro di esordio e alla fragilità dei pazienti, legata all'età e a eventuali altre patologie concomitanti e/o pregresse" fa sapere all'ANSA il comitato tecnico scientifico emergenza coronavirus dell'assessorato della Salute e presidenza Regione Siciliana. "Il dato - sottolineano gli esperti - fa ben sperare perché è in linea con i migliori dati nazionali di recupero di tali gravissime forme di insufficienza respiratoria e conferma che un trattamento nei tempi giusti e con risorse disponibili, che in queste ore si sta registrando grazie al contenimento e all'isolamento messo in atto sul territorio regionale, può permettere risultati in termini di salute pubblica altrimenti non raggiungibili". Il Comitato specifica inoltre che "i pazienti dimessi dalle terapie intensive, ovviamente non rientrano ancora nel novero dei guariti, ma le loro condizioni di salute, seppur ancora precarie, fanno ben sperare. Il contenimento della pandemia e lo 'stare a casa' stanno permettendo una adeguata e corretta assistenza nelle nostre terapie intensive, ma invitiamo tutti a non abbassare la guardia e a continuare a rispettare le regole".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie