Borsellino:Contrada,Scarantino un cialtrone si capiva subito

"Gruppo investigativo stragi senza esperienza"

  "Ho studiato la mafia, gli uomini di mafia e la loro mentalità, ho cercato di documentarmi. Se io avessi trattato Vincenzo Scarantino dopo 24 ore mi sarei accorto che era un cialtrone e che raccontava cose false. E questo non perchè io sia più bravo di altri, ma per la mia conoscenza di quegli argomenti. Io però non ho mai indagato su di lui, sono solo venuto a sapere che, quando non era pentito, era parente di un mafioso". Lo ha detto Bruno Contrada, ex numero due del Sisde intervenendo davanti all'Antimafia regionale che indaga sui depistaggi delle indagini sulla strage di Via d'Amelio.
    Alla domanda del presidente della commissione Claudio Fava sul perchè l'allora capo della Mobile di Palermo La Barbera non abbia capito che Scarantino, poi rivelatosi un falso collaboratore di giustizia, stesse mentendo, Contrada ha risposto: "Ci sono organismi di polizia giudiziaria che non possono essere affidati, specie in luoghi come Palermo, a funzionari pur dotati di acume ma privi di esperienza di anni di lavoro e 'frequentazione' con la criminalità organizzata".
    "Quando lessi anni dopo - ha proseguito - i nomi dei componenti del gruppo investigativo che indagava sulle stragi del '92, mi chiesi: 'ma questi che esperienza hanno?'" "Come si fa ad affidare una inchiesta come quella su Via d'Amelio a persone così? - ha spiegato - La Barbera sarà stato un ottimo poliziotto, ma ha fatto servizio al nord. Quando è arrivato a Palermo nemmeno sapeva cosa fosse la mafia". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie