• Falcone, sorella del giudice: 'Lo Stato c'è ed è al fianco cittadini'

Falcone, sorella del giudice: 'Lo Stato c'è ed è al fianco cittadini'

'Mafia non è vinta e che deve restare priorità agenda politica'

 "Rivolgo innanzitutto un ringraziamento al presidente Mattarella, ai ministri e a tutte le autorità che anche quest'anno hanno accolto l'invito a partecipare a questa nostra iniziativa per il ventinovesimo anniversario della strage di Capaci. La presenza delle istituzioni è un segnale per noi importantissimo, il segnale che lo Stato c'è ed è al fianco dei cittadini in questa lunga battaglia per la legalità che portiamo avanti ormai da 29 anni. E il segnale che lo Stato non intende arretrare perché è consapevole che la mafia non è vinta e che deve restare una priorità nell'agenda politica del Paese". Lo ha detto Maria Falcone, sorella del giudice ucciso, questa mattina nella commemorazione della strage di Capaci, nel'aula bunker dell'Ucciardone "Il mio grazie va anche ai giovani studenti che sono qui con noi e che rappresentano tutte le scuole con le quali abbiamo collaborato in questo anno così difficile. Sappiamo che molti altri avrebbero gradito esserci, ma le sagge misure indicate dal governo ci hanno costretto a ridurre al minimo le presenze, e questo ci dispiace moltissimo", ha aggiunto.

"Abbiamo alle spalle un anno difficile. Lo è stato per tutti, ma in modo particolare per chi non ha potuto proseguire la sua attività lavorativa e si è trovato ad affrontare, oltre all'emergenza sanitaria, anche difficoltà economiche enormi - ha osservato - Anche il mondo della scuola ha pagato un prezzo altissimo, e sappiamo tutti che la didattica a distanza è stata uno strumento per ridurre il danno, che comunque c'è stato, in particolare a danno delle fasce sociali più deboli economicamente". 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie