COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Centro studi Amadeo Peter Giannini, inaugurate le scenografie dedicate al banchiere filantropo

Ufficio stampa Comune di Genova

Comune di Genova

Inaugurate stamattina, nel Videoporto di Cornigliano a Villa Durazzo Bombrini, le scenografie dedicate ad Amadeo Peter Giannini alla cui memoria la Genova Liguria Film Commission ha dedicato il Centro Studi Amadeo Peter Giannini presieduto da Cristina Bolla ed istituito in occasione del 150° anniversario della nascita del banchiere e filantropo di origini genovesi i cui genitori emigrarono da Favale di Malvaro.

L’allestimento scenico si snoda lungo sette postazioni che raccontano i principali momenti principali della vita di Amadeo Peter Giannini e sono state realizzate dagli allievi del corso “Attrezzista di scena” inserito nell’opera formativa “Liguria: Che spettacolo!” che Fondazione CIF ha proposto grazie all’invito “Cultura in formazione 2” emesso dalla Regione Liguria, con il contributo del Fondo Sociale Europeo per lo sviluppo in Liguria delle professioni del mondo del cinema, del teatro e dello spettacolo in generale.

All’evento sono intervenute Laura Gaggero assessore allo sviluppo economico turistico e marketing territoriale e membro della comitato scientifico del centro studi Amadeo Peter Giannini, Barbara Grosso assessore alle politiche culturali e per i giovani e l’assessore regionale alla cultura, politiche giovanili e formazione Ilaria Cavo.

«Sono sicuro che il Centro Studi Amadeo Peter Giannini, grazie alla presenza di persone competenti e qualificate in tutti gli ambiti della cultura, dello sviluppo economico e turistico, del marketing territoriale e dell’audiovisivo in generale, darà una spinta decisiva al processo di internazionalizzazione del brand del nostro territorio. Un processo che sta proseguendo in modo inarrestabile, e al quale lavoreremo con sempre maggiore energia. I miei complimenti a tutti coloro che hanno lavorato a questo meraviglioso progetto, grazie e buon lavoro!», dichiara il sindaco Marco Bucci.

«L’inaugurazione delle scenografie rappresenta un ulteriore passo avanti nella crescita del Centro Studi Amadeo Peter Giannini ed è un grande esempio di sinergia e collaborazione tra i vari soggetti del nostro territorio e l’attività della Genova Liguria Film Commission – spiega l’assessore comunale allo sviluppo economico turistico e marketing territoriale Laura Gaggero -. Investire nello sviluppo delle competenze onora al meglio la figura del nostro grande conterraneo e ne esalta la visione innovativa. Le sue idee rivoluzionarie, oggi come allora, possono trovare applicazione anche a Genova, da sempre connotata dalla vocazione ad essere teatro e luogo ideale di qualsiasi tipo di produzione audiovisiva. Siamo sulla strada giusta per fare della nostra città uno dei punti di riferimento nazionali di questa arte. Siamo pronti a dare il nostro sostegno per svilupparne tutti gli ambiti possibili, compreso quello del cineturismo, e puntiamo a raggiungere mete sempre più alte guardando proprio all’esempio di Giannini».

Partendo da zero, Amadeo Peter Giannini dedicò la vita a dare sostanza alle sue visioni del futuro operando oltre i limiti imposti dalla logica del profitto ambendo a soddisfare le esigenze dei più deboli. Realizzò sogni che parvero utopie asserendo il principio che “un banchiere dovrebbe considerare se stesso un servo del popolo e un servo della comunità”. Rivoluzionò il mondo bancario fondando la Bank of Italy, primo esempio nella storia a prestare soldi alla classe operaia fino ad allora emarginata dalla finanza, e poi creò la Bank of America che divenne la più importante del mondo. Fu al centro di numerose innovazioni e finanziò anche la costruzione del Golden Gate Bridge di San Francisco. Ma fu anche il principale artefice del nascita del cinema così come lo conosciamo ai giorni nostri, dandogli l’impulso e l’energia produttiva che ne rivoluzionò il destino sino a renderlo la settima arte. Senza di lui e la sua lungimiranza, ad esempio, Walt Disney non avrebbe mai potuto produrre alcun cartone animato e geni come Charlie Chaplin o Frank Capra non avrebbero mai potuto esprimere compiutamente il loro talento lasciandoci capolavori assoluti. La sua opera fu essenziale per creare il mondo hollywoodiano e del cinema.

«Guardare avanti e arrivare sempre primi’, con lo stesso spirito di Amedeo Peter Giannini, inauguriamo oggi l’omonimo centro Studi di Genova - Liguria Film Commission - commenta l’assessore alle Politiche culturali e Politiche per i giovani Barbara Grosso - Un contenitore di idee e progetti, che permetterà di scoprire e valorizzare giovani talenti».

«Siamo particolarmente lieti della collaborazione con il Cif, la Scuola Edile e di tutti gli Enti partner che abbiamo coinvolto nel CSAPG - dice Cristina Bolla, presidente di Genova Liguria Film Commission e del Centro Studi -. La realizzazione di questo Centro Studi è una delle azioni sulle quali noi puntiamo molto per promuovere il territorio, la città e le imprese dell’audiovisivo. Sarà una grande opportunità di crescita anche dal punto di vista della formazione professionale degli addetti ai lavori e di tutti coloro, soprattutto i giovani, vorranno intraprendere una carriera in questo ambito».

«È una doppia soddisfazione essere qui oggi sia come assessore alla Cultura sia come assessore  alla Formazione, perché questo progetto ha avuto il sostegno di una bando della Formazione che tramite il fondo sociale europeo ha voluto sostenere i progetti culturali più meritevoli, e questo indubbiamente  lo è - dichiara l'assessore regionale Ilaria Cavo -.  Valorizza un grande personaggio ligure che deve essere ricordato per la sua storia a tutto tondo sia per le imprese in ambito finanziario sia per la lungimiranza in campo cinematografico. E deve essere apprezzato riscoperto soprattutto dai giovani. Coloro che hanno partecipato all' allestimento di queste scenografie hanno ricostruito una storia e contemporaneamente appreso un mestiere. Un apprezzamento al CIF e a Film Commission perché grazie alla loro collaborazione sono riusciti a dare uno sguardo attento al passato guardando in realtà al futuro».

Il Centro Studi Amadeo Peter Giannini punta a creare un ponte tra la Liguria e gli Stati Uniti, in particolare con Los Angeles. Dal punto di vista delle produzioni audiovisive e della messa in campo di azioni di marketing strategico intende promuovere, anche a livello internazionale, il territorio ligure come destinazione “cinematografica”, terra da fiction e da film e realizzare partnership con le nostre imprese del settore. Saranno attivati strumenti di formazione e verrà istituito il “Premio Amadeo Peter Giannini” per favorire le nuove generazioni. Verranno creati gruppi di lavoro per studio, ricerca, sviluppo, progettazione, internazionalizzazione e molto altro ancora in fase di definizione.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Modifica consenso Cookie