Bosch acquisisce specialista mappe alta risoluzione Atlatec

Da disponibilità dati 3D nuovo impulso a soluzioni livello SAE 4

Redazione ANSA ROMA

Bosch amplierà le competenze del Gruppo nella guida autonoma per rafforzare la propria posizione di mercato e soprattutto per accelerare lo sviluppo e la fornitura agli Oem di soluzioni di livello SAE 4.
    Il colosso tedesco dell'innovazione e dei servizi lo farà con l'acquisizione (soggetta all'approvazione delle autorità antitrust) della Atlatec GmbH, con sede a Karlsruhe, in Germania.
    Questa società indipendente, che nel 2014 era stata scorporata dal Karlsruhe Institute of Technology, impiega circa 25 persone fra Germania, Giappone e Stati Uniti ed è uno dei fornitori più innovativi al mondo di mappe 3D ad alta risoluzione, indispensabili per l'evoluzione dei sistemi di guida autonoma.
    "La prevista acquisizione di Atlatec - ha detto Mathias Pillin, presidente della divisione Cross-Domain Computing Solutions di Bosch, di cui farà parte Atlatech - amplia ulteriormente le nostre competenze nel campo delle mappe digitali ad alta risoluzione e ci rende ancora più diversificati. Ciò rende Bosch l'unica azienda in grado di offrire ai propri clienti tutti gli elementi necessari della guida autonoma, dagli attuatori e sensori al software e alle mappe, da un'unica fonte. Stiamo espandendo costantemente la nostra forte posizione in questo settore".
    Atlatec offre tutti gli elementi necessari per la mappatura: il portafoglio comprende non solo la registrazione e l'elaborazione dei dati, ma anche la creazione delle mappe stesse e il controllo di qualità richiesto.
    Oltre ai sensori di bordo con tecnologia radar, video e sensori ad ultrasuoni, le mappe digitali sono un altro elemento indispensabile nella guida autonoma. Le informazioni che contengono, relative all'ambiente circostante al veicolo e agli eventi del traffico, vanno ben oltre il raggio di rilevamento dei sensori di bordo di un veicolo.
    Per la creazione di mappe, Atlatec ha sviluppato una soluzione scalabile con il Sensorbox e il software associato. I dati grezzi raccolti da questa soluzione vengono analizzati utilizzando l'intelligenza artificiale (IA) e arricchiti con informazioni importanti come i segnali stradali e la nitidezza delle curve, nonché caratteristiche strutturali come i binari del tram.
    Poiché gli algoritmi di intelligenza artificiale sono in continuo apprendimento, anche le caratteristiche stradali e ambientali rilevate esclusivamente dall'IA sono in costante aumento. Sulla base delle informazioni della mappa un'auto a guida autonoma può, per esempio, regolare la velocità in tempo utile prima di una curva stretta. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA