Marche
  • Micam: Giorgetti, superare ritardo infrastrutturale Marche

Micam: Giorgetti, superare ritardo infrastrutturale Marche

Ministro a evento apertura dedicato imprese calzaturiere regione

(ANSA) - ANCONA, 19 SET - "Incontro le Marche a Milano perché sono una delle regioni più irraggiungibili d'Italia. Il Governo nazionale dovrà assumere le decisioni opportune per superare finalmente questa criticità". Così il ministro allo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, partecipando all'apertura istituzionale della 92' edizione del Micam: il Salone leader a livello mondiale della calzatura, promosso da Assocalzaturifici, che ospita 655 espositori fino al 21 settembre.
    "L'insistenza dei marchigiani mi ha portato qui", ha aggiunto il ministro, intervenuto al taglio del nastro e alla manifestazione di apertura del Salone, quest'anno dedicata alle imprese calzaturiere marchigiane. Un focus a più voci sui modelli di business del comparto, in un'edizione, ha sottolineato Giorgetti, che "non segna una ripartenza, ma un vero rinascimento, perché non rimettiamo in moto solo un settore economico, ma rilanciamo una vocazione imprenditoriale. Questo grazie alle scelte del Governo che hanno portato a riaprire il Paese, ma rispettando ulteriori regole. Abbiamo introdotto queste regole non per limitare la libertà, - ha rimarcato - ma per aumentare le possibilità di incontro. È necessario entrare sui mercati internazionali, in una fase in cui riapre il mondo.
    Le filiere della calzatura e del tessile hanno pagato di più per le chiusure e lo Stato deve essere al loro fianco. Abbiamo bisogno di fare sistema ed è positivo che, dalle istituzioni del territorio, arrivino proposte organiche di rilancio".
    La manifattura marchigiana, ha detto il presidente della Regione Francesco Acquaroli, "vanta un'altissima professionalità su cui investire per continuare a mantenere lavoro e sviluppo nelle Marche. Questa edizione del Micam ci riapre alla socialità e offre nuova spinta per rilanciare un settore economico già in sofferenza precedentemente. Dobbiamo vincere la sfida del credito, dell'innovazione, della digitalizzazione - ha aggiunto - per poterci affermare, con nuove energie, sui mercati internazionali. Dobbiamo vincere anche la sfida dell'aggregazione, per potenziare la nostra capacità produttiva che è un'eccellenza nazionale. La globalizzazione ce lo impone, la crisi in corso ancora di più". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie