Boom nuovi virus e batteri scoperti nel mondo

Dagli anni '60 quadruplicate malattie, pochi casi umani

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 13 FEB - Il numero di nuovi virus e batteri scoperti ogni anno è in continuo aumento, tanto che dagli anni '60 a oggi le nuove malattie infettive sono quadruplicate. Lo affermano i dati della EcoHealth Alliance, un consorzio di ricercatori, rielaborati per uno speciale del sito della radio pubblica Usa Npr, da cui si deduce che il fenomeno riguarda tutto il mondo.
    Solo nelle ultime due decadi, sottolineano gli esperti, più di una dozzina di nuovi virus e batteri capaci di provocare malattie nell'uomo sono stati scoperti in Nord America, mentre l'Asia ne ha avuti 17, l'Africa 7 e l'Europa almeno 18, con qualche caso anche in Italia, che ad esempio ha avuto il primo paziente al mondo colpito da babesiosi, una infezione trasmessa da un protozoo, nel 1998.
    Da una parte a causare il boom sono i metodi sempre più sofisticati per scovare e caratterizzare i virus, spiega Barbara Han del Cary Institute of Ecosystem Studies, ma questa non è la sola ragione. "Non ci sarà mai un modo perfetto per tenere conto delle differenze nei campionamenti e nelle analisi - spiega -, ma anche se cerchiamo di compensare con il maggior numero di informazioni a disposizione oggi, continuiamo a trovare un aumento delle malattie. I dati sono molto convincenti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA