In Veneto 206mila diabetici, prevenzione fa tappa a Verona

Col tour "Non perdere la direzione. Guida la tua glicemia"

Redazione ANSA

ROMA - Sono 206.959 le persone che dichiarano di essere diabetiche in Veneto secondo i dati diffusi da IBDO, Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation. Si tratta del 4,2% della popolazione, un dato inferiore alla media nazionale che si assesta al 5,4%. Per sensibilizzare e informare sulla malattia approda a Verona il tour italiano "Non perdere la direzione. Guida la tua glicemia" organizzato da Roche Diabetes Care Italy, azienda leader nel mondo della gestione del diabete. Appuntamento oggi in piazza Bra e domani in piazza Cittadella, dove a bordo di una postazione mobile sarà possibile ricevere materiali educativi e informativi e misurare gratuitamente la glicemia. La misurazione sarà effettuata da un'infermiera professionale e ci sarà anche la possibilità di chiedere consigli utili a un professionista sanitario sempre presente a bordo.
Oggi nel pomeriggio, in prossimità del truck, anche la presenza di testimonial della Fondazione Progetto Serena Onlus per raccontare la loro esperienza con i cani allerta diabete, addestrati al riconoscimento delle ipo e iperglicemie nelle persone con diabete. Il diabete è una delle malattie cronico-degenerative più diffuse in Italia, ne soffrono oltre 4 milioni di persone, circa l'8% della popolazione (più del doppio di 30 anni fa) e il trend è in costante aumento. "Roche è da sempre attenta al benessere delle persone con diabete, con una proposta di dispositivi innovativi per la misurazione della glicemia, di semplice uso e sicuri, che possano consentire di condurre una vita il più possibile serena e attiva" afferma Massimo Balestri, General Manager di Roche Diabetes Care Italy.
"Roche - aggiunge Elena Acmet, Medical Affair Manager, Roche Diabetes Care Italy. -è l'azienda che investe maggiormente nel campo della salute, solo in Italia ogni anno circa 38 milioni e questo impegno nella ricerca sta dando importanti risultati, contribuendo a migliorare le condizioni e la qualità di vita di milioni di pazienti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in