Dialogo tra bimbi tradotto da carcerati

Iniziativa culturale per unire le due sponde del Mediterraneo

(ANSA) - VENEZIA, 15 FEB - Abbattere i muri culturali e religiosi tra le due sponde del Mediterraneo mettendo a confronto il racconto e le esperienze degli adolescenti. E' quanto si propone "Venezia-Tunisi", l'iniziativa proposta all'associazione veneziana "Un pesce di pace" che, per superare le barriere linguistiche, si è fatta aiutare, abbattendo simbolicamente altre mura, dai detenuti magrebini del carcere lagunare. In pratica i ragazzini tunisini inviano lettere e messaggi ai loro coetanei di Venezia nelle loro lingue - arabo e francese - i detenuti le traducono in italiano e quindi i messaggi vengono fatti pervenire ai giovani italiani che così possono rispondere grazie sempre alla mediazione linguistica dei carcerati. Tra i primi messaggi giunti agli studenti delle elementari veneziane, quello di Nour, 8 anni, che dice "dalla Tunisia all'Italia: benvenuti! Vi aspettiamo" o quello di Ahamed (10 anni) che sottolinea "mi piace conoscere gli amici di altri Paesi e di religioni differenti".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Elisabetta Elio, presidente di Pia Opera Ciccarelli

Fondazione Pia Opera Ciccarelli, il futuro dell’assistenza agli anziani passa per la riscoperta delle comunità di quartiere

E’ stato avviato il programma “Abitare Leggero”: a breve si realizzeranno abitazioni a prezzo calmierato per riunire famiglie in difficoltà economica e anziani in un clima di reciproco aiuto


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere