Dialogo tra bimbi tradotto da carcerati

Iniziativa culturale per unire le due sponde del Mediterraneo

(ANSA) - VENEZIA, 15 FEB - Abbattere i muri culturali e religiosi tra le due sponde del Mediterraneo mettendo a confronto il racconto e le esperienze degli adolescenti. E' quanto si propone "Venezia-Tunisi", l'iniziativa proposta all'associazione veneziana "Un pesce di pace" che, per superare le barriere linguistiche, si è fatta aiutare, abbattendo simbolicamente altre mura, dai detenuti magrebini del carcere lagunare. In pratica i ragazzini tunisini inviano lettere e messaggi ai loro coetanei di Venezia nelle loro lingue - arabo e francese - i detenuti le traducono in italiano e quindi i messaggi vengono fatti pervenire ai giovani italiani che così possono rispondere grazie sempre alla mediazione linguistica dei carcerati. Tra i primi messaggi giunti agli studenti delle elementari veneziane, quello di Nour, 8 anni, che dice "dalla Tunisia all'Italia: benvenuti! Vi aspettiamo" o quello di Ahamed (10 anni) che sottolinea "mi piace conoscere gli amici di altri Paesi e di religioni differenti".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Giovanni De Grandis : “Sorridere fuori ma anche dentro”

La sicurezza per il paziente, l’aggiornamento professionale e l’empatia. Sono queste le basi sulle quali poggia l’operato dei medici della clinica odontoiatrica “Sorriso e benessere” in provincia di Padova.


Claudio Barbierato - Nicolé Traslochi

Una nuova immagine per Nicolè Traslochi e l’obiettivo di regolarizzare il mercato

L’azienda di Mestre, regina del settore, cambia pelle e si rinnova al passo con i tempi per consolidarsi a livello internazionale


Lenzia e Nicoletta Mondin - MM Lampadari

MM Lampadari illumina il Museo del Presidente di Astana (Kazakistan)

L’azienda trevigiana ha realizzato un’imponente opera di illuminazione per il nuovo Museo Kazako


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere