Il genio di Manuzio in mostra a Venezia

Da 19/3, tra rare Aldine e capolavori di Lotto, Bellini, Tiziano

(ANSA) - ROMA, 08 FEB - C'è Jacopo Sannazaro ritratto da Tiziano, pensoso, con un dito a tenere il segno tra le pagine del libro. La Lucrezia Borgia agghindata come Flora e la Tempesta che Giorgione mai avrebbe potuto dipingere così, prima di allora. E poi l'Adagia di Erasmo da Rotterdam, stampata come un calice da offrire al lettore, o le Allegorie di Lorenzo Lotto e del Bellini. Alla storia dell'uomo che inventò il libro moderno (e con lui il concetto stesso di editoria) è dedicata Aldo Manuzio - Il Rinascimento di Venezia, mostra alle Gallerie dell'Accademia dal 19 marzo al 19 giugno, che omaggia i 500 anni della scomparsa del tipografo e insieme racconta come la sua intuizione rivoluzionò per sempre la cultura europea.
    In tutto, un centinaio di opere in prestito da musei italiani e stranieri e 30 rare edizioni stampate tra il XV e il XVI secolo, come le miniate da Manchester, l'Aristotele in prestito dall'Escorial e le Aldine, i primissimi libri tascabili che portarono la cultura fuori dalle aule universitarie.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Gian Paolo Casarotto - Rovigo Vivai

Passione e tecnologia per valorizzare i prodotti orticoli

Il made in Italy spiegato da Rovigo Vivai, azienda vivaistica che produce piantine orticole all’interno del territorio dell’Igp del radicchio, nel cuore del Parco Naturale del Delta del Po


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere