Urbanistica, Valle d'Aosta in giudizio

Spelgatti, 'atto dovuto ma possibile dialogo su contenziosi'

La Regione Valle d'Aosta si costituirà in giudizio davanti alla Corte costituzionale contro l'impugnativa del governo della legge numero 5 del 29 marzo 2018, riguardante 'Disposizioni in materia di urbanistica e pianificazione territoriale. Modificazioni di leggi regionali'.
    Lo ha deliberato la giunta regionale.
    Un "atto dovuto - spiega il presidente Nicoletta Spelgatti - per la salvaguardia delle più ampie competenze regionali in materia di urbanistica e di tutela del corretto utilizzo del territorio, ambiti nei quali la Regione ha sempre dimostrato una particolare attenzione, tanto da essere la prima Regione per minor 'consumo' di suolo. Questo non esclude, come anticipato e condiviso con il ministro per le Autonomie, senatrice Erika Stefani, a margine dell'incontro di giovedì scorso, la possibilità di avviare sin da subito un dialogo con le amministrazioni centrali per superare i contenziosi in atto, mediante una migliore e più precisa definizione delle reciproche competenze".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere