Omicidio-suicidio Orvieto,no ad autopsia

Ancora mistero sulle cause.Omicida doveva fare una visita medica

(ANSA) - ORVIETO (TERNI), 15 NOV - Sono già a disposizione dei familiari le salme di Carlo Carletti, della moglie Rosalba e della figlia Cinzia, trovati morti nella loro abitazione di Orvieto, uccisi a colpi di fucile in un duplice omicidio-suicidio.
    Il sostituto procuratore di Terni non ha ritenuto infatti necessario svolgere l'autopsia sui corpi, ritenendo sufficiente la ricognizione cadaverica esterna. Ricognizione che - si apprende - ha confermato l'ipotesi del duplice omicidio-suicidio compiuto dal sessantaseienne, che ha prima ucciso le due donne con il fucile da caccia legalmente detenuto e si è poi sparato.
    "La dinamica è chiara" ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Terni, Davide Rossi. Il colonnello ha confermato che all'uomo erano stati prescritti alcuni giorni di riposo dal lavoro e che avrebbe dovuto sottoporsi tra pochi giorni ad una visita specialistica. "Ma non aveva mai manifestato particolari problemi psichiatrici", ha detto.

 "Non è il momento dei giudizi, ma della misericordia": lo ha detto don Luca Conticelli, il parroco della chiesa di Sant'Andrea a Orvieto, dove sabato saranno celebrati unitariamente i funerali di Carlo Carletti, della moglie Rosalba e della figlia Cinzia, vittime del duplice omicidio-suicidio avvenuto mercoledì: le esequie si svolgeranno alle 15 e saranno precedute nello stesso luogo, a partire dalle 12, da una camera ardente.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere