Patteggiò dopo aver strangolato zia, ricorso della Procura

Aveva causato la morte della donna con una mossa di Krav maga

(ANSA) - BOLZANO, 20 AGO - La Procura generale ha presentato un ricorso per cassazione contro la sentenza di patteggiamento di Loris Daniel Caciula per omicidio preterintenzionale. Il giovane di 22 anni, il 17 luglio dell'anno scorso aveva causato la morte di sua zia Nicoleta, rumena di 46 anni, stringendole il braccio intorno al collo, da dietro, con una mossa di Krav maga.
    La procuratrice Donatella Marchesini ha ora impugnato il patteggiamento per "errata qualificazione giuridica del fatto".
    Non si sarebbe trattato di un omicidio preterintenzionale ma volontario: Daniel Caciula, stringendo il braccio intorno al collo della zia per oltre dieci secondi, avrebbe cioè dovuto sapere che questo avrebbe bloccato il flusso del sangue e dell'aria. Caciula, sostiene la Procura, avrebbe accettato il rischio che la zia potesse morire, agendo quindi con il cosiddetto dolo eventuale. Secondo il patteggiamento, invece, la morte della donna sarebbe giunta come conseguenza non voluta della mossa, fatta per difendersi da una presunta avance.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere