Badr, non volevo uccidere Marianne

Difesa, derubricare accusa a omicidio preterintenzionale

(ANSA) - BOLZANO, 19 DIC - "Non volevo uccidere Marianne, sono molto dispiaciuto per quello che è successo". Con queste parole, Rabih Badr, il 34enne marocchino accusato di aver ucciso il 21 agosto 2017 la convivente Marianne Obrist, di 39 anni, si è rivolto al giudice Peter Michaeler. In tribunale a Bolzano si è svolta l'udienza del processo che si svolge con rito abbreviato, e che vede Badr imputato di omicidio volontario pluriaggravato. Gli avvocati difensori hanno chiesto che l'accusa venga derubricata a omicidio preterintenzionale in quanto Badr, che ha ammesso di avere colpito la convivente con una mazza da baseball, avrebbe avuto intenzione di picchiarla ma non di ucciderla. La sentenza arriverà nella prossima udienza, il 21 dicembre.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Videonews Alto Adige-Südtirol

Vai alla rubrica: Pianeta Camere