Tumore: a Cibio Trento 6,7 milioni per progetto prostata

Uno dei sei programmi finanziati da Airc

(ANSA) - TRENTO, 20 SET - Il team guidato da Francesca Demichelis del Centro per la biologia integrata (Cibio) dell'Università di Trento ha ottenuto un finanziamento internazionale di oltre 5,7 milioni di euro per un progetto volto a sviluppare un esame del sangue che aiuti a scegliere la terapia più appropriata nei casi di cancro della prostata avanzato.
    Quello del Cibio è uno dei sei programmi finanziati nell'ambito del Cancer Research UK con due delle principali organizzazioni non profit europee che sostengono la ricerca sul cancro, tra cui Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro). Il gruppo di ricerca cercherà di mettere a disposizione dei clinici uno strumento che permetta di orientare ciascun paziente verso uno specifico tipo di trattamento sulla base delle caratteristiche molecolari della sua malattia. "La biopsia liquida è una tecnica non invasiva che si basa su un esame del sangue, e consente di cercare i marcatori molecolari del tumore nel momento in cui il sangue viene prelevato", afferma Demichelis.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Videonews Alto Adige-Südtirol

Vai alla rubrica: Pianeta Camere