Consigliera Bolzano rinuncia a vitalizio

La scelta di Ulli Mair dopo il caso di Eva Klotz

(ANSA) - BOLZANO, 28 FEB - Dopo il caso di Eva Klotz, ex consigliera provinciale di Bolzano della Südtiroler Freiheit, che ha incassato la somma di 986.000 euro di vitalizio dalla Regione Trentino Alto Adige, destando scalpore e polemiche a livello nazionale, ora Ulli Mair, consigliera provinciale bolzanina dei Freiheitlichen dal 2003, ha scelto la strada di ottenere i contributi previdenziali versati e di rinunciare conseguentemente all'assegno vitalizio. Come spiega il Corriere dell'Alto Adige che riprende la notizia, si tratta di una delle varie opzioni previsti dalla legge regionale del luglio 2014, di riforma dei vitalizi. Nel caso specifico, Mair rinuncerà ad ottenere in futuro l'assegno mensile, ma incassa comunque, nell' immediato, una somma di 350mila euro come compensa del credito dei contributi fin'ora versati. Mair spiega di non voler commentare la sua scelta, mentre Klotz sul vitalizio incassato dice al Corriere dell'Alto Adige: "Non sono soldi dell'Italia ma soldi della Regione, che abbiamo versato. Non rubo nulla."

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Qualità Alto Adige